Si terranno domani alle 15,30 i funerali di Francesco Bisecco, il quarantaduenne originario di Minturno ma da anni trapiantato a Formia, vittima di un incidente stradale verificatosi giovedì scorso lungo l'A2 Autostrada del Mediterraneo, tra gli svincoli di Rogliano e Cosenza.
Le esequie si svolgeranno all'interno della chiesa di San Giovanni Battista, a Formia, e successivamente il corpo sarà tumulato presso il cimitero di Gaeta, per volere della moglie dell'uomo.
La salma, dopo l'autopsia, si trova nella cella frigorifera dell'obitorio dell'ospedale di Cosenza e rimarrà lì sino a domattina, momento in cui il personale della ditta di onoranze funebri Eterna, provvederà al trasferimento diretto nella chiesa formiana.
Commozione a Minturno e Formia per la morte di Francesco, che, in passato, ha lavorato in una nota azienda ittica di Formia e un'altra di Minturno. Da poco tempo aveva iniziato il lavoro con l'attuale ditta, per la quale aveva effettuato un viaggio in Sicilia.
Al ritorno verso casa un tragico destino ha colpito l'uomo, vittima di un incidente sul quale ci vorrà del tempo prima che si accerti l'esatta dinamica, soprattutto come sia potuto cadere per l'apertura del portellone del furgone dove si trovava.
Secondo una prima ricostruzione da parte della Polizia Stradale di Cosenza, Francesco Bisecco, dopo essere finito sull'autostrada è stato investito da un tir, il cui conducente non è riuscito a bloccare il mezzo.