Nella giornata di ieri, 7 marzo 2020,  i carabinieri della Stazione di Formia, al termine di una indagine, hanno denunciato a piede libero per procurato allarme un uomo della provincia.

In particolare, stando alle prime ricostruzioni, si tratta di un medico che, abusando della propria posizione lavorativa, avrebbe postato su Whatsapp diversi messaggi locali attraverso cui paventava falsi casi di positività di persone al Coronavirus, di fatto creando tra gli utenti del servizio di messaggistica e comunque tra la popolazione in generale una situazione di grande allarme sociale.