«La battaglia si vince con i comportamenti corretti». La Protezione civile nazionale lo ha ribadito anche ieri alla luce di quanti, a circa un mese dall'inizio dell'emergenza, continuano a dimostrare di non aver recepito i decreti ministeriali ma soprattutto la direttiva più importante: restare a casa per non rischiare di diffondere l'epidemia da Covid-19 o di venirne contagiati.
Venendo ai numeri della nostra provincia, ieri si sono registrati 8 nuovi casi positivi che hanno fato salire il conto complessivo a 113. «Dei nuovi casi - ha reso noto la Asl di Latina nel consueto report giornaliero - quattro sono trattati a domicilio. Si confermano le criticità dei Comuni di Fondi (più 2 per 40 casi totali) e Latina (più 1 per 23 casi totali). Gli altri sono distribuiti nei Comuni di Gaeta (non residente) e Pontinia (in serata si sono accertate le altre città: Terracina, Monte San Biagio e un altro caso fuori provincia, ndr). Il quadro completo della situazione diramato dalla Asl: 113 casi positivi; 55 pazienti ricoverati; 12 negativizzati; 6 decessi. «Sulla base dei numeri evidenziati, i pazienti positivi attualmente in carico sono 95 - ha sottolineato la Asl -, 40 pazienti positivi sono gestiti in isolamento domiciliare. I pazienti ricoverati sono collocati presso lo Spallanzani (11), la Terapia Intensiva del Goretti (3), l'unità di Malattie Infettive del Goretti (20) o altre unità operative del Goretti e del Dono Svizzero di Formia (18). Tre pazienti sono ricoverati in altri ospedali della Regione Lazio. I pazienti negativizzati sono attualmente 12, dei quali 8 ancora ricoverati per altre problematiche di salute e 4 in osservazione a domicilio».
Complessivamente sono 2.035 le persone in isolamento domiciliare, mentre 394 quelle che hanno terminato il periodo di isolamento. «In considerazione dell'esistenza di uno specifico cluster di pazienti positivi residenti nel comune di Fondi e, in parallelo, della probabilità che se ne generino di nuovi nel Comune di Latina - ha ripetuto la Asl - si raccomanda ai cittadini di queste comunità di rispettare rigorosamente le disposizioni ministeriali in materia di mobilità delle persone».
La Asl di Latina, come noto, ha anche annunciato che allo scopo di assicurare un supporto psico-pedagogico ai minori e alle famiglie in carico al Servizio di Neuropsichiatria Infantile, è operativo (da lunedì a venerdì, dalle 9.00 alle 12.00) il numero 0773.910046 a cui risponderà un operatore specializzato.
Le direttive
La Asl continua anche a ricordare che bisogna recarsi in Pronto soccorso solo se necessario e di far riferimento al numero verde 800.118.800, e al 1500, al fine di gestire al meglio l'emergenza»