«Salve a tutti, sono il pescatore che ha contratto il Coronavirus».

Si apre così il post pubblicato sulla propria pagina Facebook e reso visibile a tutto il mondo da Domenico Spina, il pescatore della marineria di Anzio che è finalmente uscito dall'incubo Covid-19, guarendo.

«Fin dall' insorgenza della mia malattia sono stato ricoverato all'Umberto I e con la fede, l'amore della mia famiglia e di tutte le persone che hanno pregato per me, ne sono uscito. Ho voluto scrivere questo post come mia testimonianza, per far capire a tutte le persone che ancora girano incredule che questa non è una malattia da sottovalutare. È una patologia così atroce e aggressiva da poterti anche togliere la vita. Per questo ribadisco: dobbiamo rimanere a casa e rispettare le regole. Solo così riusciremo ad uscirne».

E per il pescatore anziate è tempo di ringraziamenti: «Colgo l'occasione per ringraziare tutti i medici che lavorano ogni giorno in prima linea, soprattutto i medici che si sono occupati della mia condizione, tra cui il mio medico curante che mi ha indirizzato a seguire la corretta procedura per evitare eventuali contagi e tutti gli amici che mi sono stati vicino anche se lontani. Inoltre, ringrazio il sindaco, il comandante del porto e la capitaneria per essersi attivati tempestivamente procedendo alla sanificazione di tutti i motopescherecci a strascico di cui faccio parte, le cooperative e tutto l'ambito portuale. Un augurio di pronta guarigione a tutte le persone che stanno vivendo la mia stessa condizione».