«La priorità deve essere mandare a casa Coletta non conquistare il primato nella coalizione». Il coordinatore comunale della Lega Armando Valiani ridisegna le priorità del centrodestra in vista delle comunali del prossimo anno, in controtendenza a Fratelli d'Italia che invece inserisce il primato interno tra gli obiettivi da conquistare. Valiani in questi mesi sta lavorando per costruire la lista della Lega che si presenterà alle elezioni comunali del prossimo anno. Un lavoro certosino, al quale il coordinatore sta dedicando molto impegno. Il Carroccio intende presentarsi all'appuntamento con le urne con una squadra valida ma profondamente rinnovata, in grado di rappresentare la vera svolta nel centrodestra.

«Il centrodestra non deve essere invocato solo come uno slogan ma deve essere realizzato nei fatti senza accordi trasversali. Ecco perché in questo momento non ci interessano derby all'interno della Coalizione ma il risultato finale», afferma Valiani. «Per mandare a casa questa amministrazione di persone improvvisate, come chiedono a gran voce i cittadini di Latina - prosegue Valiani -, serve un Centro Destra forte, che possa essere un incubatore di idee e progetti, ma soprattutto che possa cambiare il modo di fare politica di questi ultimi anni, con un amministrazione incapace di dare risposte alla nostra città».

L'intervento di Valiani è una risposta al senatore Nicola Calandrini, che appena sabato parlava invece del duplice obiettivo del suo partito, quello di riprendere assieme al centrodestra la guida di Latina e poi diventare la prima forza della coalizione. «In questi giorni che precedono il voto in alcuni comuni della nostra provincia è anche comprensibile che ogni partito spinga per raccogliere più adesioni possibili, ma oltre alle tessere conteranno le idee e i valori - afferma il coordinatore della Lega Armando Valiani - Le piazze che giovedì a Fondi e Terracina hanno accolto Salvini stanno a dimostrare che la gente non voterà perché ha una tessera in tasca ma sceglierà le idee e i progetti migliori. Ecco perché dispiace che a Terracina per il protagonismo di qualcuno non si sia riusciti a trovare un percorso condiviso su un Centro Destra unito, con il risultato di un ballottaggio certo che sarà una sconfitta per chi ha governato la città negli ultimi anni».

Nel capoluogo la situazione è diversa? Valiani si augura di sì. «Oggi la Lega a Latina sta mettendo in campo un progetto ampio con persone nuove, ma anche con chi ha nella sua storia un bagaglio di militanza politica. Donne e uomini pronti a mettersi a disposizione del territorio per un progetto comune per la città, senza voler per forza essere protagonisti ma lavorando per la squadra. Un percorso che deve essere comune a tutte le forze del Centrodestra. Oggi la Lega non ha l'obbiettivo di arrivare prima in un derby che rischia di essere perdente, ma ha l'obiettivo di raggiungere un risultato positivo per tutta la nostra comunità: quello di mandare a casa questa amministrazione inconcludente e dannosa per la città. La forza della Lega - conclude Valiani - non è soltanto nei numeri e nella generosità di non voler perseguire a tutti i costi il primato all'interno della coalizione ma, in primis, quella di mantenere coerenza di ideali, obiettivi e soprattutto alleanze: noi saremo sempre alternativi al Pd in qualsiasi amministrazione».