"Consulenze, posti di lavoro e perfino 900.000 euro per la casa delle donne di Roma con un emendamento approvato con il favore delle tenebre: sono alcuni dei provvedimenti del DL Agosto che nulla hanno a che fare con la pandemia e con il rilancio dell'Italia. La maggioranza pensava di condizionare le minoranze concedendo loro 25 milioni di euro da inserire sotto forma di emendamenti al Decreto. Fratelli d'Italia ha rifiutato i 5 milioni di euro che le erano stati 'concessi'. Non ci prestiamo a giochi da manuale Cencelli sulla pelle degli italiani. Non siamo in vendita, le nostre proposte il Governo le deve valutare nel merito". Lo dichiara il senatore Nicola Calandrini nel corso della dichiarazione di voto sul DL Agosto.

"Siamo di nuovo a recitare la stessa commedia: il Governo decide da solo, chiama il Parlamento a ratificare, e non ascolta il paese. Noi abbiamo dimostrato coerenza ed affidabilità - aggiunge - ritirando alcuni degli emendamenti a cui tenevamo, tra cui la proroga dei termini per il Superbonus. Ci auguriamo che il Governo ora sia consequenziale e inserisca tale proroga in Bilancio così come disposto dall'ordine del giorno approvato in Commissione Bilancio. Questo decreto segue la stessa logica dei precedenti: tanto assistenzialismo e zero sviluppo. 100 miliardi di euro sono stati sperperati, 100 miliardi di debiti per le future generazioni. Se lo stesso Governo pensa di gestire i 209 miliardi che arriveranno dall'Europa c'è da preoccuparsi. Temiamo seriamente di vedere anche questa volta risorse destinate a marchette varie. Il Governo continua a tamponare l'emergenza mentre il paese chiede di tornare a camminare sulle proprie gambe. È ora che vadano a casa. Chiediamo elezioni, bisogna cambiare attori e trama o l'Italia non si salverà. Fratelli d'Italia sogna un'Italia libera, forte e coraggiosa. Tutte caratteristiche che a questo Governo e alla maggioranza mancano, motivo per cui non potremo mai dare la nostra fiducia", conclude Calandrini.