"I cittadini di Ardea chiedono a gran voce risposte sull'idoneità dei trattamenti delle acque che confluiscono nel depuratore dei Castelli e sullo smaltimento dei fanghi prodotti nel processo di lavorazione dell'impianto. Il sindaco della Città metropolitana, Virginia Raggi, il suo vice con delega alle Infrastrutture, Fabio Fucci, e l'assessore regionale Fabio Refrigeri, hanno il dovere di chiarire questa situazione e sgomberare il campo dai timori sull'inquinamento ambientale che stanno accompagnando la popolazione". E' quanto dichiarano Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d'Italia, e Carlo Passacantilli, consigliere Fdi dell'Area Metropolitana.
"Sono mesi – dichiara Passacantilli- che alle domande sul depuratore dei Castelli non viene data alcuna risposta, forse perché il sindaco Raggi e il suo vice Fucci sono distratti dalle guerre intestine del Movimento 5 Stelle, e non si curano di intervenire su una questione che invece è di primaria importanza per i comuni serviti dall'impianto. Lo stesso silenzio che proviene dall'assessore Refrigeri e dalla Regione - precisa Santori - che in questo momento è tutta tesa a capire cosa vorrà fare il presidente Zingaretti, ovvero andare al voto anticipato, piuttosto che aspettare la scadenza naturale prevista a febbraio del 2018, viste le grosse difficoltà politiche all'interno del centrosinistra. Questa incertezza, intanto, si determina su impasse amministrativa che vede il territorio abbandonato a se stesso con tutti i disagi che ne conseguono per i cittadini".