Mancano pochi giorni all'ufficializzazione del nuovo assessore che prenderà il posto lasciato vacante in giunta da Antonio Costanzo. Lo ha ribadito ieri nella commissione Ambiente l'assessore Lessio dal momento che la nuova delega toccherà da vicino anche il suo settore: il nuovo componente che siederà tra i banchi della giunta Coletta dovrà occuparsi di arredo e bellezza, un incarico a cui il sindaco ha dato un peso strategico affidando per ora l'interim del servizio alla dirigente Annunziata Lanzillotta. E anche su questo fronte arriverà un nuovo dirigente a togliere le castagne dal fuoco alla Lanzillotta come è stato annunciato ieri in commissione attività produttive: l'assessore Costanti ha spiegato che verranno reclutati due nuovi dirigente, uno alle attività produttive dopo che a giugno scorso è terminato anzitempo l'incarico per Aldo Doria, tornato al Mise, e l'altro al decoro urbano e alla bellezza. Saranno presi con un comando e con una procedura ex articolo 110. Tornando all'assessore molti voci si rincorrono in queste ore sul nome che potrebbe prendere posto in giunta. Tra gli interni si fa insistentemente il nome di Dario Bellini, che lascerebbe così il ruolo di capogruppo e per la verità anche quello di consigliere, che andrebbe al primo dei non eletti (Gabriella Monteforte presidente del consiglio generale di Lbc). Per molti invece Coletta si proietterà all'esterno dal momento che parte della giunta reclutata nel movimento non ha rispettato le aspettative. «Penso ad una delega all'arredo urbano e alle piccole cose che servono a far funzionare il nostro capoluogo – aveva detto il sindaco - del resto in questo senso abbiamo cambiato anche la macrostruttura, che ora contiene un settore con obiettivi specifici legati all'arredo urbano. Può essere un esponente di Lbc come un esterno».