Con una nota inviata al Prefetto di Latina i Consiglieri Comunali Nicola Calandrini, Andrea Marchiella e Matilde Eleonora Celentano, chiedono un incontro urgente al fine di sottoporgli la situazione di estrema difficoltà nella quale si trovano ad operare in seno all'amministrazione comunale di Latina.

Nella fattispecie elencano tutta una serie di circostanze (il documento inviato consta di ben undici pagine) legate alla mancata ed esatta applicazione di regole e procedure previste dall'Ordinamento Statale e da norme regolamentari e statutarie del Comune di Latina ad opera del Presidente del Consiglio Comunale di Latina Massimiliano Colazingari in occasione della richiesta di inserimento all'ODG del Consiglio Comunale della Mozione n. 20/2017. Un atto questo che prevede che al Segretario Generale del Comune sia obbligatoriamente richiesto il parere di conformità sugli atti dell'amministrazione, cosa che oggi non avviene.

I tre consiglieri fanno rilevare come il Presidente del Consiglio Comunale abbia deciso di non inserire la mozione all'ODG del Consiglio stesso dopo averla, arbitrariamente sottoposta ad un parere del Dirigente del Servizio "Relazioni Istituzionali con la Città. Appalti e Contratti. In questo modo ledendo manifestamente, i diritti dei Consiglieri Comunali proponenti e non consentendo al Consiglio - unico organo deputato - di decidere nel merito della vicenda.

Non solo, ma il Presidente Colazingari ha inviato al Segretario - Direttrice Generale una ulteriore richiesta di parere sulla questione evidenziata, senza considerare che la stessa era direttamente interessata, per il suo incarico, dal merito della mozione, innestando anche un notevole conflitto di interessi.

Commenta Nicola Calandrini " Dagli atti che abbiamo inviato a S.E. il Prefetto di Latina appare evidente come nelle condotte assunte dal Presidente del Consiglio Comunale si profilino illegittimità per violazione di legge, omissioni e sviamenti di potere che si possono come configurare anche come ipotesi di illeciti, tanto da pensare alla necessità di interessare il Parlamento di quanto accade nel comune di Latina, attraverso lo strumento della interrogazione parlamentare da proporre a cura del Gruppo di FdI – AN come rappresentato nell'Assemblea Parlamentare. Abbiamo quindi sollecitato un incontro urgente con S.E. il Prefetto onde esplicitargli più ampiamente la situazione di disagio e di difficoltà nella quale siamo costretti ad operare nell'interesse della collettività civica rappresentata, affinchè possa intervenire per garantire il ripristino della legalità violata in seno al Comune di Latina."