Una parte del centrodestra continua a non essere pienamente d'accordo sulla scelta di alcune forze che, unanimemente, hanno deciso che Candido De Angelis sarà il prossimo candidato sindaco di Anzio. In particolare, dopo le posizioni prese nei giorni scorsi da "Noi Con Salvini" e "Fratelli d'Italia" e a margine della candidatura a sindaco di Roberto Palomba - che sarà sostenuto dalla lista "Noi con il Cuore" -, il direttivo della "Lista Enea" (che ha come riferimento politico l'assessore Patrizio Placidi) ha chiesto di celebrare le primarie di coalizione per la scelta del successore di Bruschini. «Il nostro obiettivo - hanno spiegato il segretario Franco Trinci e il capogruppo consiliare Donatello Campa - è quello di unire il centrodestra e portarlo alla vittoria attraverso il confronto, il dialogo e la condivisione di un progetto politico e di un programma di sviluppo per la nostra Anzio. Non mettiamo veti su nessun potenziale candidato a sindaco, tantomeno su Candido De Angelis, però riteniamo di proporre le primarie di coalizione e una urgente convocazione di un tavolo di confronto all'interno delle varie forze che compongono il centrodestra anziate per iniziare insieme il percorso indicato».
Tali parole hanno indotto il sindaco di Anzio e responsabile territoriale di Forza Italia, Luciano Bruschini, a intervenire e a "bocciare" l'idea delle primarie. «Pur rispettando la posizione espressa, resta inteso che il percorso delle primarie non è praticabile e non è nelle corde del centrodestra. Resto fermamente convinto della posizione presa nella riunione di mercoledì 20 settembre all'unanimità per la candidatura di Candido De Angelis a sindaco di Anzio, in rappresentanza della coalizione di centrodestra. Auspico che la Lista Enea comprenderà la necessità di trovare le ragioni dello stare insieme».