Formula che soddisfa non si cambia: si potrebbe usare questa dicitura per il piano sosta, entrato da tre anni nelle abitudini della città dopo le polemiche iniziali di chi era refrattario all'istituzionalizzazione dei parcheggi a pagamento in centro. La filosofia, unita poi alla svolta della ztl, fu quella di disincentivare l'uso delle auto e il parcheggio lungo, con l'introduzione dell'alta rotazione e con abitudini ormai consolidate. Oggi in vista della scadenza dell'affidamento triennale ad Atral prevista per il 31 dicembre quel piano va aggiornato e la commissione viabilità sta lavorando da alcune sedute agli indirizzi per la predisposizione del nuovo capitolato da demandare agli uffici.
Le proposte
Ieri sono state definite alcune linee guida, con priorità alla situazione dei parcheggi a pagamento sul litorale, che dovranno però essere valutate nella loro sostenibilità economica dall'apparato gestionale. Si parte dalle modalità di sosta con la proposta (di Marchiella e Carnevale ma condivisa da tutti) di aggiungere nuove formule alla tariffa giornaliera, l'unica possibilità che oggi permette di parcheggiare al lido: quella del biglietto orario da 80 centesimi l'ora per i giorni feriali e da 1 euro per i festivi, e quella del biglietto per la "mezza giornata", dalle 09.00 alle 14 o dalle 14.00 alle 19.00. Cambiamenti in vista anche per gli abbonamenti, da rendere più appetibili: le proposte sono quelle di rendere il parcheggio gratuito per i residenti del litorale sulla base di quello che già avviene con i pass del centro, e di elaborare formule ridotte per chi lavora al lido. L'abbonamento per i lavoratori passerebbe da 50 a 40 euro per quello mensile, da 120 a 100 quello stagionale mentre l'abbonamento mensile normale si attesterebbe sui 60 euro, ridotto da 150 a 120 per l'intera stagione. Gli sconti sugli abbonamenti saranno poi più consistenti sulle formule annuali, decrescendo per i trimestrali o i mensili. Altra proposta messa sul piatto è stata poi quella di accorciare il periodo di sosta a pagamento sul litorale portandolo dal 15 settembre al 31 agosto, una opportunità per evitare la desertificazione della marina e incentivare al turismo di fine stagione.
Centro, pagare meno ma pagare a pranzo
Sul fronte della sosta in centro invece i commissari hanno convenuto sulla necessità di inserire anche la fascia di orario 13.30-15.30 tra quelle a pagamento.