Fedele a chi? Soprattutto a se stesso. Il nome del consigliere comunale di Minturno, Vincenzo Fedele, dovrebbe essere una garanzia, invece in questa campagna elettorale un minimo di "tradimento" lo ha messo in atto, infatti si candida sia per il Senato che per la Regione ma con due liste diverse, entrambe comunque afferenti il centrodestra. Per ricapitolare: Vincenzo Fedele si candida al Senato con la lista "Noi con l'Italia", che sarebbe la cosiddetta "quarta gamba del centrodestra" e alla Regione Lazio con la lista "Energie per l'Italia" il partito fondato da Stefano Parisi e che oggi ottiene il sostegno anche di Armando Cusani. Alla Pisana Energie per l'Italia rischia evidentemente di sottrarre voti a Forza Italia che nel sud pontino e in specie a Minturno conserva un ottimo serbatoio di voti, nonostante la sconfitta alle ultime amministrative, vinte dal candidato del Pd, Gerardo Stefanelli.
A proposito anche Vincenzo Fedele la scorsa tornata si era candidato alle elezioni comunali come sindaco e grazie a questo oggi è consigliere di minoranza della lista "Popolo Idee e Libertà". Ora non si sa come chiederà i voti agli elettori ma una cosa certa su Vincenzo Fedele si può dire: comunque vada a finire lui è per L'Italia e con L'Italia. Un patriota. Vincenzo Fedele ha 41 anni e lavora per la Guardia Costiera, è stato già assessore comunale a Minturno con delega per l'economia del mare, nel frattempo resta nel direttivo provinciale del Movimento "Popolo Idea e Libertà".