Il Comune di Minturno parteciperà al Censimento permanente annuale. L'ISTAT, in conformità a quanto previsto dalla normativa europea e nazionale, ha avviato il censimento permanente ed ha inserito il Comune di Minturno tra quelli che partecipano alla rilevazione campionaria annuale denominata "rilevazione areale" e tra quelli che saranno chiamati alla rilevazione campionaria annuale "Rilevazione da Lista". Appuntamenti che si terranno nel quarto trimestre del 2018. Una decisione che ha obbligato lo stesso Comune minturnese a costituire un Ufficio Comunale di Censimento (UCC), che dovrà occuparsi di tutte le operazioni relative al censimento stesso. Il responsabile è Antonio Lepone, caposervizio amministrativo e affari generali; il coordinatore, invece, è Nicandro Di Nitto, istruttore amministrativo all'Ufficio Anagrafe e già incaricato di curare le rilevazioni statistiche. Successivamente saranno individuate altre figure da inserire nell'UCC, così come indicato dalla circolare ISTAT dell'aprile scorso. Per la prima volta l'ISTAT rileva con cadenza annuale, e non più decennale, le principali caratteristiche della popolazione dimorante sul territorio e le sue condizioni sociali ed economiche a livello nazionale, regionale e locale. Il nuovo censimento permanente della popolazione avviene ogni anno (circa un milione e quattrocentomila famiglie, residenti in 2800 Comuni italiani) effettuato a campione e Minturno è stato inserito. Inoltre, solo una parte dei Comuni (circa 1.100) è interessata ogni anno dalle operazioni censuarie, mentre la restante è chiamata a partecipare una volta ogni quattro anni. In questo modo, entro il 2021, tutti i Comuni italiani partecipano, almeno una volta, alle rilevazioni censuarie. Grazie all'uso integrato di rilevazioni statistiche campionarie e dati provenienti da fonti amministrative, il Censimento permanente è in grado di restituire annualmente informazioni che rappresentano l'intera popolazione, ma anche di contenere i costi e il disturbo statistico sulle famiglie. Informazioni necessarie ai decisori pubblici (Stato, Regione, Provincia, Comune), alle imprese, alle associazioni di categoria, a enti e organismi che le utilizzano per programmare in modo ragionato, pianificare attività e progetti, erogare servizi ai cittadini italiani e agli stranieri che vivono in Italia e monitorare politiche e interventi sul territorio. A partire dall'anno 2021, con cadenza quinquennale, la popolazione legale sarà determinata con decreto del Presidente della Repubblica sulla base dei risultati del Censimento permanente della popolazione.