Destagionalizzare seriamente, dando attuazione alla normativa nazionale che permette di far stare aperte le strutture balneari amovibili anche durante l'inverno. Fratelli d'Italia torna alla carica e sprona il Comune di Latina a battere un colpo, a muoversi affinché si possa davvero dare seguito a questa importante novità per operatori del mare e commercianti. 

"Si parla tanto di crisi economica, serve creare il lavoro, non serve assistenzialismo. Posti di lavoro che si perdono giorno dopo giorno, fabbriche chiuse, aziende in difficoltà, noi abbiamo la fortuna di avere la natura dalla nostra parte, quel pozzo di petrolio che si chiama mare e non investiamo in questo settore - affermano Gianluca Di Cocco, portavoce comunale di Fratelli d'Italia Daniela Vivolo e Alessandra Calvani, responsabili del settore turismo e marina del partito -  Pensare di lavorare non solo d'estate ma anche d'inverno al mare, è follia? No semplicemente la tranquilla consapevolezza di fare bene il proprio lavoro e riuscire a trasmettere entusiasmo ad un luogo. L'inverno non spaventerebbe il settore balneare, ma di certo, con le superfici coperte attuali, le minuscole pedane, è cosa praticamente impossibile, ed è per questo che la situazione dovrebbe essere tutta da creare.

Detto questo, iniziamo a posizionare il primo mattoncino che possa permettere agli operatori di pensare in grande, come ad esempio non smontare le strutture. Fratelli d'Italia è molto vicino al mondo balneare, commerciale, imprenditoriale e delle partite IVA, e chiede a gran voce, all'Amministrazione, di farsi carico nel portare senza ulteriore indugio, una proposta di delibera, peraltro già largamente richiesta dal capo gruppo Calandrini e dai propri consiglieri più volte e su cui si è dato il massimo contributo costruttivo, e soprattutto recepire da subito tutte quelle opportunità che la nuova finanziaria sta concedendo in merito. Sulla base della nuova normativa, contenuta nella legge di stabilità per il 2019 che prevede che "I titolari delle concessioni demaniali marittime ad uso turistico ricreativo ..che utilizzino manufatti amovibili … possono mantenere installati i predetti manufatti fino al 31 dicembre 2020…", se applicata, è il primo passaggio concreto per arrivare ad archiviare in futuro, la pratica destagionalizzazione. Servizi anche in bassa stagione, quando però, il nuovo PUA piano utilizzazione arenile, ancora in fase embrionale, adeguerà, le superfici delle strutture balneari in maniera tale, che si possa dare un servizio adeguato, anche d'inverno. Destagionalizzazione...parolina così semplice, ma che racchiude la grande voglia dell'imprenditoria della Marina di poter sfruttare, anche per dare un minimo d'ordine al litorale non solo in estate".