Il piano industriale di Abc resta un mistero. Per questo i consiglieri di opposizione hanno chiesto la convocazione di una apposita seduta della Commissione Ambiente per valutare il piano, nella speranza che venga portato all'attenzione dei consiglieri.

"Sull'azienda speciale Abc il sindaco e la sua giunta fanno i vaghi. Ad eccezione dell'assessore Proietti, il solo a dire che il Comune cambierà il piano industriale e che il mutuo non sarà superiore ai 12 milioni di euro, né l'assessore all'ambiente Lessio né quello alle partecipate Caprì, tantomeno il sindaco, hanno osato dire una parola - afferma la consigliera di Forza Italia Giovanna Miele, prima firmataria della proposta - Come consigliere comunale mi aspettavo un maggiore coinvolgimento nella gestione dell'azienda speciale e di questi temi delicati come mutuo e piano industriale.  Per questo insieme alla minoranza ho chiesto un'apposita commissione ambiente, dove ci auguriamo che venga fatta chiarezza. Vogliamo capire se e quando sarà chiesto questo mutuo, a che punto sono le procedure con Cassa Depositi e Prestiti, e che cosa ne è del piano industriale approvato dal consiglio di amministrazione di ABC e in corso di modifica, pare, da parte degli uffici comunali.

Sarà anche l'occasione per chiarire in che condizioni versa la sede di ABC. Sono riprese a circolare foto imbarazzanti, degli interni con i bagni in condizioni tutt'altro che dignitose, per non parlare degli esterni dove si accumulano camion carichi di rifiuti e grondanti residui di umido che rimangono sul piazzale.  Ultimo ma non meno importante, mi auguro che la seduta possa fare chiarezza anche sul futuro dei lavoratori interinali ex Latina Ambiente, mai riassorbiti dall'azienda speciale e rimasti senza lavoro. Perché se il vanto del sindaco è aver garantito tutti i posti di lavoro grazie ad ABC, mi preme ricordargli che questa sua affermazione non è valsa per tutti. E tutt'oggi ci sono famiglie che hanno bisogno di risporte sul proprio futuro".