Martedì scorso, ad Ardea, si è riunita la commissione Bilancio al fine di affrontare delle delicate tematiche finanziarie legate alla città. In primis è stato discusso il decreto ministeriale di approvazione dell'ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato. I consiglieri, visionando gli atti a disposizione, hanno potuto prendere atto delle prescrizioni inerenti alle limitazioni sull'aumento del personale al fine di garantire la stabilità della gestione, ma anche della necessità di mantenere al massimo le aliquote dei tributi per la stabilità finanziaria, «ponendo particolare attenzione - hanno spiegato dal MoVimento 5 Stelle, forza di maggioranza in città - alla lotta all'evasione». Sul fronte spese, è stata raccomandata una limitazione allo stretto indispensabile, non escludendo anche possibili tagli.

In merito all'Imposta unica comunale, invece, si è parlato della modifica al termine di 30 giorni per la presentazione della denuncia di iscrizione. «Tale termine - proseguono dal MoVimento -, viene disatteso in oltre il 90% dei casi e gli uffici sono costretti a mettere in mora i cittadini che non rispettano tale scadenza. Si è quindi proceduto a ripristinare la scadenza che era precedentemente fissata per il 20 gennaio dell'anno successivo».

Infine, è stato ricordato che, a causa delle modifiche normative apportate dalla legge di Stabilità, il Comune sarà costretto ad aumentare del 50% la Tasi e l'imposta sulla pubblicità e sulle affissioni.