L'altra sera al confronto pubblico tra i candidati alle elezioni Europee, l'avvocato Mastrobattista, presidente dell'associazione Terzo Millennio che ha organizzato l'iniziativa, ha spiegato che «la mancata presenza di esponenti del Partito democratico a questo confronto è legata al fatto che non hanno presentato alcun candidato della provincia pontina per le Elezioni Europee». Un vuoto di rappresentanza che in effetti si fa sentire, per il Pd pontino. Il partito provinciale sta lavorando a questa campagna elettorale ma lo fa a sostegno di esponenti che non sono espressione del territorio.
Un sostegno che arriva anche in ordine sparso. Il segretario provinciale Claudio Moscardelli e il suo gruppo di riferimento, lavorano per i deputati uscenti Simona Bonafè e Nicola Danti. Due esponenti vicini all'ex segretario Matteo Renzi. Bonafè è stata anche, fino a oggi, l'unica dei candidati dem alle Europee a venire a Latina città per un evento specifico. Il consigliere regionale Salvatore La Penna sta lavorando invece per un altro deputato europeo uscente, Roberto Gualtieri. Quest'ultimo stato nei giorni scorsi nel sud pontino e presto dovrebbe arrivare anche a Latina. Con Gualtieri è schierata anche la componente vicina all'ex sottosegretario Sesa Amici.
L'altro consigliere regionale del Pd, Enrico Forte, sotiene invece Massimiliano Smeriglio. L'ex numero due della giunta Zingaretti può contare in provincia anche sul sostegno di una parte di Latina Bene Comune e su alcune associazioni molto radicate. Il gruppo di Forte sosterrà anche Olimpia Troili. Inutile dire che i risultati di questi candidati, in termini di preferenze raccolte nella provincia di Latina, indicherà il "peso" che i vari dirigenti provinciali del Partito democratico ancora hanno sul territorio. Insomma, un'altra conta.