Lo sciopero generale di oggi, venerdì 25 Ottobre a Roma, non è altro che la prosecuzione di quanto avvenuto sabato a scorso a Piazza San Giovanni: un avviso di sfratto a Virginia Raggi e al Movimento 5 Stelle". Lo afferma il deputato europeo della Lega Matteo Adinolfi che questa mattina era in piazza del Campidoglio assieme all'Ugl per protestare contro Virginia Raggi e la sua amministrazione. 

"Lo scempio e il degrado in cui è precipitata Roma è colpa della pessima gestione della Sindaca Virginia Raggi - afferma il deputato Europeo della Lega, eletto nella Circoscrizione Centro - Proprio per questo la Lega ha raccolto sabato scorso le firme per chiedere le dimissioni della Sindaca, la peggiore della storia di Roma. Una città invasa dai rifiuti e preda del degrado. La Lega solo sabato scorso ha raccolto oltre 10 mila firme per mandare a casa questa amministrazione comunale, a dimostrazione di come i romani siano stanchi di Virginia Raggi. Saremo al fianco del nostro leader Matteo Salvini che ha annunciato un tour dei quartieri per raccogliere ulteriori firme fino a quanto Raggi non lascerà il Campidoglio a qualcuno più in gamba di lei. La Lega si batterà in ogni caso per fare in modo che i problemi enormi in cui Raggi ha gettato Roma possano essere risolti. Penso ad esempio ai rifiuti, dove è necessario che la Capitale si doti di impiantistica adatta. La città è invasa da cassonetti stracolmi di rifiuti e in questo senso complice della Raggi è anche l'amministrazione regionale guidata da Nicola Zingaretti, segretario del Pd, che per non fare torto agli alleati M5S non mette Raggi con le spalle al muro sui rifiuti, imponendo la realizzazione di impianti indispensabili. La Lega - conclude l'eurodeputato Adinolfi - lavorerà per mandare a casa entrambe le amministrazioni, che stanno facendo solo danni al nostro meraviglioso territorio".