Sono ai primi raccolti ed hanno partecipato per la prima volta ad una selezione internazionale per testare la qualità del lavoro, prima ancora che quella del loro prodotto. Quando sono stati chiamati per essere informati che erano al quindicesimo posto tra i 500 migliori olii del mondo, Giovanna Cunetta, responsabile marketing del Molino 7cento di Cori e il responsabile di produzione Alessandro Moro hanno pensato ad uno scherzo. Invece è successo davvero. E il Molino 7cento risulta essere il miglior produttore di olio del comprensorio di Cori, con 8,6 punti su un massimo di 9,9, seguito a ruota dall'azienda Carpineti che ha totalizzato 8,5 punti.
Dunque i due produttori di Cori, Molino ‘7cento e Marco Carpineti, sono tra le migliori 500 aziende produttrici di olio extravergine al mondo.
Ad attestarlo è Flos Olei 2019, la guida, giunta alla decima edizione, unanimemente considerata la più importante pubblicazione di settore a livello internazionale. Redatta in doppia lingua, italiano-inglese e italiano-cinese, comprende una panoramica sull'olivicoltura nei 5 continenti, per un totale di 52 Paesi. È la prima guida di respiro internazionale dedicata alle aziende di produzione olearia di tutto il mondo e ai loro oli extravergine di oliva selezionati con criteri di assoluto rigore da un panel di esperti assaggiatori coordinato da Marco Oreggia, curatore del volume.
La guida sarà presentata ufficialmente a dicembre.
Entrambi gli EVOO coresi inseriti nella Flos Olei 2019, il MOLÌ di Molino ‘7cento (punteggio 86) e il MO'MO' di Carpineti (punteggio 85), sono prodotti dai frutti di oliveti centenari, 100% cultivar Itrana.
L'Azienda Agricola Molino ‘7cento, che per la molitura delle olive si avvale del frantoio La Valle dell'Usignolo, nasce da un'idea dell'imprenditore Vito Miceli che ha puntato sulla qualità dei terreni di Cori per giocare la scommessa di un'azienda agricola biologica e di eccellenza. Il brand Molino 7cento si sta rapidamente imponendo grazie alla passione dei professionisti che vi lavorano e punta tutto sulla qualità di prodotti unici, come lo zafferano di Cori, e frutti antichi, come la pera Abate e la mandorla Tuono.
L'azienda coltiva solo piante autoctone del territorio, nel rispetto dei cicli naturali di produzione, seguendo e innovando continuamente le metodologie dell'agricoltura biologica. Essendo un'azienda giovane, è ancora sottoposta al regime di conversione dall'agricoltura comune a quella biologica. Rispettando già ad oggi la normativa prevista per l'agricoltura biologica, otterrà a breve la relativa certificazione (www.molino7cento.it).
L'Azienda Marco Carpineti è una conferma tra le realtà coresi e pontine. Appartenente alla famiglia Carpineti da diverse generazioni, dal 1986 è Marco che, spinto da autentica passione e dal desiderio di vivere in un ambiente intatto, ne prende in mano le redini e ne fa un'azienda modello.
Nella classifica la provincia di Latina vanta altre posizioni di rilievo, anche migliori di quelle ottenute dalle due aziende coresi: l'azienda Alfredo Cetrone è infatti seconda con 9,7 punti, seguita dall'azienda Piscoianni di Gina Cetrone con 9,5 punti. Ci sono poi le aziende Sperlonga e Villa Pontina entrambe con 8,9 punti. E non manca la brillante affermazione dell'azienda agricola Cosmo Di Russo, di Gaeta, che ha ottenuto un ambito riconoscimento di cui trattiamo qui in basso.
Un'affermazione complessiva che fa della nostra provincia una terra di eccellenza per la qualità degli oli extra vergine.