Sabaudia cala il poker. Nell'ultima settimana di settembre, la prima di ottobre (l'evento si disputerà in due weekend) del 2023 la città delle dune ospiterà il Mondiale di Coastal Rowing e Beach Sprint che sarà anche prova di qualificazione olimpica in vista dei Giochi di Parigi. Dopo l'assegnazione da parte della Fisa della terza prova di Coppa del Mondo di canottaggio del prossimo anno, gli Europei Junior del 2022 e quelli Senior del 2024, questo grandissimo evento è il completamento di un progetto che pone Sabaudia al centro del mondo remiero.

"Ci sarà tanto da lavorare, ma noi siamo abituati e pronti a farlo nella maniera migliore – ha tenuto a precisare il sindaco di Sabaudia, Giada Gervasi – Siamo felici e non potrebbe essere altrimenti, perché i nostri sforzi, quelli di una Amministrazione che sa perfettamente quello che vuole, sono stati ben ripagati. La sinergia con la Federazione Italiana Canottaggio si sta dimostrando vincente ma ci terrei a ringraziare non solo il presidente Abbagnale, ma anche Luigi Manzo, il Direttore Generale del nostro Comitato, nonché Coordinatore nazionale per conto della Fic di questa affascinante disciplina che sarà olimpica a partire dal 2024, che è stato l'artefice di questo ennesimo grande evento per Sabaudia. Ora – ha concluso la Gervasi – dobbiamo soltanto rimboccarci le maniche e iniziare a lavorare. Ci aspettano anni importanti e manifestazioni di spessore, ma se la Federazione Internazionale ha messo gli occhi, in Italia, anche su Sabaudia, un motivo ci sarà. Ci faremo trovare pronti, di questo potete starne certi".

Felicità, ovviamente, anche in seno alla Federazione Italiana Canottaggio: "L'Italia sta lavorando bene e questa è la risposta. Una serie di grandi manifestazioni che sono il giusto premio a quello che questa Federazione sta facendo per la propaganda di uno sport meraviglioso. Sabaudia chiude un cerchio importante nel prossimo quadriennio ospitando questo Mondiale Coastal Rowing Beach Sprint. È stato un lavoro lungo e faticoso -ha spiegato il numero uno della Federazione - sviluppato attraverso relazioni con gli esponenti FISA e vari sopralluoghi, ma alla fine la linea adottata dalla Federazione e dalla Sindaca Gervasi è stata vincente - A lei vanno i miei complimenti, unitamente a quelli del Consiglio e di tutta l'Italia del canottaggio, per come ha saputo portare a termine la candidatura che vedrà, nel 2023, il mondo gareggiare sul lungomare pontino in una disciplina come il Beach Sprint che, con tutta probabilità, sarà inserita nel programma olimpico dei Giochi di Parigi 2024.