I sapori e i piaceri di Latina raccontati da Repubblica. Ieri mattina, il pubblico delle grandi occasioni si è svegliato presto per partecipare alla presentazione della guida dedicata a Latina, pubblicata nella collana "Ai Sapori e ai Piaceri" di Repubblica. L'assessore regionale Enrica Onorati, il presidente della Provincia Carlo Medici, il sindaco di Latina Damiano Coletta, e molte altre autorità erano presenti all'evento di lancio della pubblicazione, già in vendita in tutte le edicole. Vero artefice della scoperta del territorio da parte della stampa nazionale è stato l'assessore Silvio Di Francia che sulla scia di un'iniziativa realizzata un anno fa, "Bianco e Rosso Pontino", ha deciso di accendere i riflettori sull'intera provincia. Già assessore nella giunta Veltroni, Di Francia ha preso sul serio il suo mandato a Latina e cerca continuamente collaborazioni per promuovere un territorio che sembra non voler decollare nonostante le enormi potenzialità. Probabilmente ci voleva una persona esterna, scevra da meccanismi "impaludati" per comprendere l'importanza di creare sinergie per destare curiosità e attenzione nazionale. È una vecchia storia, Roma piglia tutto, difficile diventare meta turistica a pochi chilometri dalla Capitale, ma non impossibile, e sicuramente la guida "Latina Pontino e Isole" potrà accendere la curiosità di alcuni turisti, alla ricerca di sapori e tradizioni legati all'enogastronomia.

Gli itinerari del gusto nella guida sono caratterizzati da prodotti straordinari come il kiwi di Cisterna, la mozzarella di bufala di Pontinia, i fichi di Pisterzo, carciofi di Sezze, la favetta di Terracina, etc. Molti sono poi i percorsi proposti nella città di Latina, dedicati alle architetture razionaliste, ai suoi mercatini e negozi, ai musei e ai set cinematografici che vi sono stati allestiti. Un'altra sezione è dedicata all'esplorazione dell'entroterra tra le bellezze naturalistiche presenti nei Monti Aurunci e Lepini, nel Parco Nazionale del Circeo; per non parlare dell'Oasi di Ninfa che grazie al suo splendore e la magia delle sue vedute si è aggiudicata la foto di copertina della guida. Testimonial d'eccezione nel viaggio lo scrittore Antonio Pennacchi che ha arricchito la pubblicazione con un incantevole racconto dedicato al Mausoleo di Clesippo a Mesa di Pontinia, e Francesco Totti che ha narrato Sabaudia, meta assidua delle sue vacanze. L'itinerario prosegue alla scoperta dell'antica Norba, del tempio di Giove Anxur, della Grotta di Tiberio, questi sono solo alcuni dei luoghi raccontati dai percorsi archeologici, affiancati agli articoli dedicati alle Isole di Ponza, Palmarola, Zannone, Ventotene e Santo Stefano. La guida fornisce, inoltre, centinaia di indirizzi per scoprire ristoranti, botteghe del gusto, dimore di charme e segnala produttori di olio, di vino, caseifici e realtà agricole di grande rilievo (lavoro certosino realizzato dalla giornalista di Latina Oggi Francesca Petrarca). Tanti sono i giornalisti hanno lavorato alla realizzazione del volume capitanati da Giuseppe Cerasa, che presente all'evento ha dichiarato: "Abbiamo realizzato una guida inaspettatamente bella. Il Lazio non finisce a Roma e la nostra pubblicazione è uno strumento semplice, se ben sfruttato può costituire la chiave di volta per il rilancio di un enorme territorio, quello di Latina che aspetta solo di essere conosciuto a fondo". Dello stesso avviso e pronti a fare squadra nella convinzione che il lavoro sinergico possa portare benefici a tutta la comunità, anche tutti i politici seduti al tavolo. A portare "scompiglio" al tavolo istituzionale ci ha pensato Antonio Pennacchi che con la sua solita verve ha evidenziato i problemi che si ritroveranno davanti i turisti, primo fra tutti: le buche sulle strade. Come dargli torto? In fondo anche la stazione ferroviaria non è un bel biglietto da visita a causa della mancanza di un sottopasso che consenta un accesso dignitoso ai disabili.