Aprirà i battenti giovedì 12 dicembre "Dinosauria: Le impronte di Sezze", la mostra curata dalla Compagnia dei Lepini che punta a ripercorrere la storia evolutiva dei dinosauri mesozoici, a descrivere gli animali che lasciarono le impronte a Sezze e l'ambiente tropicale in cui vissero, nonché le fasi dei delicati processi di fossilizzazione che hanno permesso la conservazione delle stesse orme, oltre 200 piste di impronte fossili rinvenute nel luglio del 2003 da un team di geologi, Daniele Raponi e Gaspare Morgante che, coadiuvati dal paleoicnologo Fabio Marco Dalla Vecchia, individuarono delle "strane tracce" presenti su una superficie di strato calcarea in una cava presso Sezze Scalo.

Strane tracce che dopo attente analisi si rivelarono essere impronte di dinosauri, nel dettaglio un Titanosauro, grande sauropode quadrupede erbivoro, e i più piccoli ed agili Ornithomimosauri, dinosauri teropodi bipedi per lo più carnivori.

Il luogo ha ottenuto il fregio di diventare uno dei monumenti naturali della Regione Lazio, con la prima pista di impronte di dinosauri Sauropodi ritrovata in Italia Centrale e uno dei siti ad impronte di dinosauri più rilevanti dal punto di vista scientifico di tutta Europa.

Da qui l'idea della Compagnia dei Lepini di iniziare a ragionare sulla promozione dell'importante scoperta e la scelta di allestire una mostra a tema che sarà aperta fino al 19 gennaio 2020 presso Palazzo Rappini, in via Umberto I (46-48) a Sezze: «L'allestimento - ha spiegato il presidente della Compagnia dei Lepini, Quirino Briganti - sarà arricchito da una grafica immersiva che riprodurrà i più noti dinosauri mesozoici e che contribuirà a "far entrare" ancor di più, e meglio, il visitatore nel regno dei dinosauri. All'interno della mostra - ha sottolineato Briganti - saranno previsti alcuni laboratori didattici, pensati soprattutto per i più piccoli, come filmati a tema, visori in realtà virtuale, una stampante 3D con cui stampare le impronte, il nido delle uova ma, soprattutto, renderanno ancora più suggestiva l'atmosfera della mostra alcuni modelli di dinosauri che andranno a rendere unica la visita».