Si chiama «Laghi d plastica» il dossier di Legambiente che contiene i dati relativi per l'appunto i laghi in cui Goletta ha effettuato i campionamenti. Una lente per mettere a fuoco il problema delle microplastiche «tracciate» anche nei corsi d'acqua interni. All'interno del dossier si parla anche del lago di Paola.

Cosa è emerso dai campionamenti di Legambiente? «Nel lago di Sabaudia – si legge nel dossier - lago costiero della cittadina sul litorale pontino e conosciuto anche come Lago di Paola, si affaccia l'intera città, tutta l'area turistico-balneare e le sue acque provengono dai Monti Lepini ed attraversano un territorio pieno di attività antropiche legate in particolar modo al settore agro-silvo-pastorale. Sul Lago di Sabaudia sono stati prelevati 4 campioni in 2 aree del lago (2 punti con replica). La media rilevata è pari a 83.437 particelle per chilometro quadrato di superficie».

Quello che andrebbe quindi monitorato in primis sono i corsi d' acqua interni e tutto quello che attraversando zone antropizzate portano nel lago ma c'è anche il problema delle discariche abusive che spesso spuntano proprio a ridosso dei fiumi. Altra questione quella dell'attività agricola rispetto a cui più volte la proprietà del lago ha chiesto accertamenti mirati soprattutto per verificare quali sostanze finiscano nel lago un problema diverso da quello delle microplastiche ma non meno importante.