Il Consiglio comunale di Latina ha approvato, senza alcun voto contrario, la delibera per la tariffa TARI 2020, frutto di un complesso lavoro di redazione svolto dai Servizi Tributi e apprezzato da tutti i consiglieri, nei loro interventi, in virtù del processo inclusivo per la condivisione su indirizzo dell'assessore Proietti. Le tariffe della TARI in questo 2020 prevederanno una riduzione del 25% per tutte le attività produttive chiuse, parzialmente chiuse o sospese durante il periodo di fermo del lockdown. Per le famiglie si è creato un fondo di 360.000 euro per le riduzioni in base all'ISEE: fino a 8.265 euro a famiglia, con estensione fino a 20.000 euro per nuclei che hanno 4 e più figli.

Agevolazioni anche per le associazioni di volontariato e del terzo settore, per le quali è stato creato un fondo di 50.000 euro per l'esenzione e la riduzione. 

Soddisfatto l'assessore Gianmarco Proietti: «Agevolare le attività produttive, le famiglie e il terzo settore è l'indirizzo costruito insieme a tutte le forze politiche e produttive nel tavolo Latina per Latina. Su questa base condivisa abbiamo voluto fondare la complessa delibera che trova la sua legittimità nella delibera dell'autorità per i Rifiuti e l'Energia (ARERA) di luglio 2020. La complessità del lavoro ha messo in moto un articolato processo di rivalutazione dell'anagrafe tributaria, processo fondamentale anche ai fini della credibilità e dell'affidabilità del  Bilancio Comunale. Abbiamo detto di voler stare vicini in maniera concreta a chi ha sofferto di più la crisi economica e sociale innescata da questa pandemia, una prossimità che non potevamo non costruire anche con una politica tributaria attenta e solidale».