Ad una famiglia che vive a Priverno o a Roccagorga conviene andare a fare la spesa a Latina o a Frosinone? La parola più usata quando le famiglie si siedono a tavola è una: risparmio. La mappa redatta da Altroconsumo, consacra la provincia pontina come capitale nel Lazio dove conviene fare la spesa per gli acquisti di generi alimentari rispetto a Roma, a Frosinone e Viterbo. Il dilemma per le famiglie di Priverno o Roccagorga è risolto: conviene Latina. La graduatoria ha portato a scoprire quelli che sono i supermercati meno cari, anche sulla scorta dei dati dell'Istat del 2016. In tutto sono stati monitorati 922 punti vendita, 115 categorie di prodotti e sono stati rilevati 1.002.269 di prezzi per un paniere di prodotti alimentari sia freschi che confezionati, di igiene e per la casa. A Latina la spesa minima in città all'anno, sfiora i 6mila euro (5820), meno rispetto alla Capitale (6190), Frosinone (6240) e Viterbo (6270). A Latina il risparmio massimo al supermercato può arrivare a 940 euro mentre il risparmio massimo sui prodotti a marchio commerciale a 2360. Infine sempre sul fronte del risparmio in città scegliendo un discount si arriva a 3850 all'anno. L'altro spunto che emerge dall'inchiesta riguarda le scelte dei consumatori che spesso si spostano per le offerte e le promozioni e che possono subire delle fluttuazioni molto corpose. Un esempio? Come rivela Altroconsumo, uno shampoo l'Orèal Garnier a Latina ha un prezzo di 3,96 euro al litro mentre in altre città può arrivare anche a 10 euro con un aumento del 162%. «Il consumatore dispone di una vasta scelta e ha la possibilità - scrive Altroconsumo nell'indagine - di cercare di volta in volta il prodotto che meglio si adatta ai propri gusti e alle proprie possibilità economiche». Prima di tutto il vero risparmiatore ha come caratteristica quella dell'investimento di tempo per poi confrontare continuamente l'offerta dei prodotti. Nella classifica di Altroconsumo emerge che la città italiana dove si spende di meno è Pordenone, Latina si conquista però un primato regionale.