C'è anche Ardea fra i Comuni che hanno ricevuto importanti finanziamenti dalla Regione Lazio per valorizzare le politiche legate al compostaggio della frazione organica dei rifiuti prodotti in città.

In particolare, il progetto presentato dagli uffici municipali ha ricevuto un finanziamento da seicentomila euro e potrà presto essere attivato attraverso le necessarie procedure di legge.

«In questo modo - hanno evidenziato il sindaco di Ardea, Mario Savarese, e l'assessore alle Politiche culturali e ambientali, Sonia Modica - vengono sviluppate le azioni del compostaggio domestico e di comunità, con l'obiettivo di andare a ridurre i costi del conferimento e della raccolta dell'umido».

Entrando nei dettagli tecnici dell'idea promossa da Ardea, va sottlineato che, grazie al finanziamento ottenuto, potrà essere sostenuta una concreta azione di riduzione dei rifiuti, nell'arco di un triennio, pari al 35%, con una riduzione delle quantità di scarti stimata in circa 1.800 tonnellate ogni anno, con un conseguente risparmio per l'amministrazione di circa 283.000 euro. «Nel primo anno - precisano da via Garibaldi - la riduzione prevista è del 15%, con un taglio sui costi di smaltimento di 121.000 euro. Considerando una produzione media pro capite di 106 chili ogni anno, si stima il coinvolgimento di una popolazione di 7.500 persone. Il progetto prevedrà la realizzazione di eco-piazzole: aree sorvegliate dove i cittadini potranno conferire l'umido».