Un'equipe internazionale per "indagare" il territorio di Pontinia. A collaborare al progetto "Investighiamo il paesaggio", questo il nome dell'iniziativa, gli studenti di Architettura dell'Università Tecnica di Berlino e del Politecnico di Milano, nonché gli studenti di Public History della Freie Universität di Berlino. Un'iniziativa svolta in collaborazione con il Map, il Museo dell'Agro Pontino, e il Comune.

Si parlerà soprattutto di paesaggio rurale, cercando di capire cosa oggi si possa definire in tal modo. Gli studenti, coadiuvati da un team internazionale di professionisti e da esperti locali, ripercorreranno le tappe di ammodernamento delle campagne pontine. «Particolare attenzione – fanno sapere dal Map – sarà data alla percezione dello spazio, sia da parte degli abitanti che da parte degli studenti stessi». A concludere questa "indagine", una ricerca con l'artista Elena Bellantoni, che condurrà un workshop sulla costruzione e l'utilizzo di macchine fotografiche rudimentali.

Nel corso di questo progetto, che prenderà il via domani e si protrarrà fino al 6 maggio, saranno proposte diverse attività gratuite aperte al pubblico. Oggi alle 18, al teatro "Fellini", l'inaugurazione dell'iniziativa. Poi seguiranno diverse attività nei giorni a venire, tra cui – questo il 3 maggio, sempre alla 18 – la proiezione del film "The Harvest". La conclusione dei lavori sarà divulgata il 5 maggio alle sei di pomeriggio nel teatro "Fellini", dove verranno presentati i primi risultati e l'elaborazione di dati, interviste e impressioni raccolte.

A finanziare questo progetto, il Daad - German Academic Exchange Program. Si tratta di un'iniziativa che fa parte delle attività di Modscapes (Modernist reinvention of the rural landscapes), un progetto Europeo Hera (Humanity in the European research area).
Non è però la prima volta che Pontinia viene scelte per gli studi, visto che da anni l'attenzione degli archeologi olandesi è focalizzata sulla zona di Mesa di Pontinia e sulle evidenze d'età romana.