Rafforzare i controlli nelle zone periferiche, nell'area industriale e nelle frazioni. È uno degli obiettivi che l'amministrazione comunale di Sabaudia vorrebbe raggiungere con il "Patto per l'attuazione della sicurezza urbana" approvato nei giorni scorsi in Giunta e che sarà trasmesso alla Prefettura di Latina per la sottoscrizione.
Obiettivo di questo patto sono l'incolumità pubblica, i fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, ma anche il rispetto dell'ambiente e del decoro urbano. Nell'ambito di queste azioni di prevenzione, il Comune di Sabaudia ha elencato le sue priorità. Nell'elenco ci sono l'area artigianale, quella industriale di San Donato («dove solitamente insistono fenomeni di sfruttamento della prostituzione, innumerevoli furti alle varie attività e abbandono incontrollato di rifiuti tali da generare vere e proprie discariche a cielo aperto»), Bella Farnia e Sacramento («siti in cui sono frequenti gli abbandoni di rifiuti anche da parte della comunità di cittadini extracomunitari e con problemi di ordine e civile convivenza»), nonché Sant'Andrea, Molella, Mezzomonte e Borgo Vodice, dove si registrano «fenomeni di abusivismo vario».
Con l'approvazione di questo "Patto per l'attuazione della sicurezza urbana", che prevede una collaborazione fra la Prefettura di Latina e il Comune di Sabaudia, si andranno a individuare e a definire le strategie più opportune volte a prevenire situazioni di illegalità e a installare sistemi di videosorveglianza. Gli atti sono stati inviati quindi alla polizia municipale per gli adempimenti di rito.