Il documentarista di Geo&Geo Gianni Milano ha incontrato nell'aula consiliare del Comune di Terracina i giovani studenti degli Istituti Scolastici "Milani", "Montessori", "San Giuseppe" e "Maestre Pie Filippini" di Terracina che hanno partecipato al progetto di lettura riflessiva/creativa "da lettore a...attore". Il volume al centro del progetto è stato "In un Battito d'Ali", il racconto scritto appunto da Milano, e ha visto centinaia di studenti di Santi Cosma e Damiano, Fondi e Terracina cimentarsi nella lettura dei brani e, a partire dal prossimo anno scolastico, trasporre le pagine del libro in un'opera teatrale.

Il progetto, curato da Anna Santomauro, ha coinvolto le biblioteche dei tre comuni pontini ha riscosso un notevole successo sia a livello di partecipazione che di consensi. L'evento terracinese ha visto presenti il sindaco Nicola Procaccini, l'assessore alla Cultura Barbara Cerilli e la direttrice della Biblioteca Comunale "Adriano Olivetti" Elena Veglianti. L'autore ha evidenziato come «l'entusiasmo dei ragazzi più giovani è contagioso, genuino e coinvolgente. Il fine di questo lavoro è quello di riportare i ragazzi a frequentare e vivere le biblioteche, luogo di formazione e condivisione culturale e sociale che va difeso e promosso. Grazie a quelle amministrazioni e quegli Istituti Scolastici che hanno saputo cogliere il valore di questa iniziativa». Intervenendo il sindaco Procaccini ha espresso il suo ringraziamento «ai giovani lettori per lo spirito con cui hanno affrontato questa prova. La letteratura e la recitazione, disciplina quest'ultima con la quale vi confronterete il prossimo anno, sono due mondi straordinari che viaggiano su strade contigue. Sono certo che vi appassionerete a queste forme artistiche e un domani, anche se non costituiranno la vostra attività principale, saprete apprezzarne la bellezza e la profondità. Complimenti a Gianni Milano per il suo lavoro e per la delicatezza di un'opera che promuove valori semplici, ma fondamentali». L'assessore Cerilli ha voluto congratularsi «con gli studenti, le insegnanti e gli Uffici Comunali che hanno provveduto con passione all'organizzazione dell'evento. C'è grande bisogno di ritornare ad apprezzare uno strumento prezioso per la vita di tutti quale è il libro. I ragazzi hanno scoperto che anche un media tradizionale sa trasmettere emozioni uniche sollecitando l'immaginazione e rendendo personali i sogni. Grazie a Gianni Milano e a tutti coloro i quali hanno reso possibile questo progetto».