Riecco l'ufficio postale di Fossanova. Lunedì 28 gennaio 2019, infatti, tornerà operativa la filiale delle Poste, che non sarà più attiva nel borgo medievale, ma nella proprietà Cardosi, al confine tra Priverno e Sonnino, lungo la via Sonninese.

La nuova ubicazione, scelta all'interno di una proprietà privata, è assai vicina a Sonnino scalo e sorge proprio all'incrocio tra via Marittima II e la Strada Provinciale Sonninese.

Ad annunciare l'apertura è stato il sindaco di Priverno, Anna Maria Bilancia, che ha spiegato: «Siamo felicissimi della prossima riapertura dell'ufficio postale di Priverno - Fossanova. Dopo la chiusura di quello sito nel Borgo, Poste Italiane, accogliendo la nostra richiesta di mantenere l'ufficio nella zona di Fossanova, lo ha riallestito e riaperto nella proprietà Cardosi. I cittadini che lo vorranno potranno così, dal 28 gennaio 2019, accedervi senza il disagio di recarsi negli altri uffici del Comune di Priverno. Ringrazio l'ex direttrice provinciale di Poste Italiane, Maria Luisa Scacchi, e il nuovo direttore provinciale, Paolo Cavalli, per aver compreso e cercato la soluzione a un problema che ha creato disagi agli utenti».

Così come recita il cartello già affisso davanti all'entrata, l'ufficio svolgerà orario di apertura solo di mattina, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.20 alle 13.35 e il sabato fino alle 12.35. Gli sportelli polifunzionali al servizio dei cittadini saranno due.

Soddisfazione è stata espressa anche dagli abitanti di Sonnino. È il vice presidente del comitato il Fienile, Altobelli, a notare: «La riapertura delle Poste di Priverno/Fossanova sarà un servizio che interesserà non solo i cittadini di Priverno, ma anche le zone pianeggianti del comune di Sonnino. Il comitato, nella persona del suo presidente, venuto a mancare pochi mesi fa, si è impegnato molto nell'individuazione della nuova sede. Ringraziamo il sindaco Bilancia per aver riportato un servizio necessario e vitale vicino alla comunità di Sonnino. Speriamo ora che quanto prima vengano realizzati dei marciapiedi sulla porzione di Strada Provinciale».