Sport e impiantistica, a Latina, non vanno d'accordo. E l'assenza della volontà politica dell'amministrazione comunale per dare uno slancio al settore, rischia di penalizzare pesantemente chi nello sport crede e investe. Il volley è già emigrato e altrettanto rischia di accadere al basket o al calcio a 5 se non si corre ai ripari. Un mese fa la città ha ospitato un evento organizzato da associazione Minerva e Osservatorio dello Sport: una manifestazione organizzata da privati che ha mostrato come, con la buona volontà, si possa fare qualcosa di bello anche a Latina, nel campo dello sport e del turismo sportivo. Certo, parlando con la presidente dell'associazione, Annalisa Muzio, si scopre che il rapporto con il Comune capoluogo non è stato per nulla produttivo. «Resto in attesa di riuscire a stringere collaborazioni fattive anche con il Comune di Latina perché credo che la nostra città non possa sempre restare a guardare», afferma Muzio. Resistenze all'attività dell'associazione sono state evidenti sul tema del Pua, il piano urbanistico per l'arenile, dove Muzio ha presentato la proposta di realizzare una beach arena. «Si tratta di una struttura che potrebbe essere utilizzata per gli eventi di promozione e di divulgazione di numerose discipline sportive, ma anche come strumento di integrazione ed educazione sociale e culturale per la nostra città, basti pensare ai concerti o agli spettacoli teatrali che potrebbero essere realizzati in quel meraviglioso contesto. Ci tengo a sottolineare che è una struttura concretamente realizzabile per la quale mi sto battendo ma nel corso delle commissioni non si è ancora riusciti a prendere una decisione in merito alla possibilità di veder realizzata questa opera. Eppure basterebbe approvare una variante al Pua vigente. Il progetto è fattibile: io spero vivamente che maggioranza ed opposizione capiscano che è un'opportunità che non possiamo permetterci di perdere».

In tema di impianti Latina vive grosse difficoltà. Dal Palabianchini al Palaceci, passando per la piscina, è un pianto ovunque. L'associazione Minerva non vuole criticare, ma avanzare proposte. Solo che dall'altra parte sembrano non ricevere. «L'Osservatorio, che comunque raggruppa oltre 70 associazioni sportive (e questo è già un fatto storico per la nostra città), potrebbe anche presentare progetti o prendere in gestione spazi ma il problema è sempre quello della ricezione delle proposte da parte delle amministrazioni - spiega Muzio - Già in passato imprenditori, proprietari di società sportive, avevano presentato progetti, mai approvati, tanto che oggi la Top Volley è emigrata a Cisterna. Per me questo è inconcepibile. Peraltro, ho proposto alle istituzioni una fattiva collaborazione volta ad intercettare fondi europei proponendo il coinvolgimento anche dei privati. Resto in attesa di conoscere le determinazioni del comune anche su questo fronte».

L'Osservatorio dello Sport, nonostante il Comune snobbi le sue idee, ha conquistato il sostegno della Provincia e dei Comuni di Gaeta e Sabaudia. Con progetti che coniugano sport e turismo. «Organizzare eventi, incontri, tornei di respiro nazionale ed internazionale porta turismo - spiega Annalisa Muzio - Questo accade già in tante altre città italiane e non vedo perché Latina non dovrebbe riuscire a fare lo stesso con l'immenso patrimonio naturale di cui disponiamo. Immagini, ad esempio, cosa potrebbe significare organizzare, e quale introito economico porterebbe per il nostro territorio, un evento sportivo nazionale: bambini, atleti, accompagnatori, allenatori. Ecco perché il grande lavoro che stiamo facendo, anche con le associazioni di categoria che già hanno aderito al nostro progetto come Confcommercio Lazio Sud, è quello di fare rete con le strutture recettive del nostro territorio (bar, alberghi, ristoranti). Il turismo sportivo rappresenta senza dubbio un importante volano per la nostra economia e questo non lo dico io ma è un dato riconosciuto. Ho manifestato questa nostro obiettivo cercando il coinvolgimento delle amministrazioni locali. Ho già trovato ampia disponibilità da parte del Presidente della Provincia Medici, per quelle che potranno essere le sue competenze soprattutto di raccordo con i comuni pontini, presto incontreremo anche il sindaco di Gaeta e, questa è una notizia delle ultime ore, proprio ieri abbiamo stretto una collaborazione con il Comune di Sabaudia per l'organizzazione dei Mondiali di canottaggio che si terranno il prossimo anno e per la predisposizione di una serie di eventi a latere di questo grande evento».