Uno stato di degrado e abbandono sempre più preoccupante, che sta degenerando giorno dopo giorno. Una situazione che rischia di non fare quasi più notizia e per questo preoccupa tanto i residenti, che lamentano proprio la mancanza di attenzione sulla faccenda. Torniamo a parlare dello stabile una volta polo commerciale in via Sandro Pertini. Nel tempo prima i furti e poi gli atti vandalici hanno impoverito l'area, diventata anche un punto di rifugio per i senza tetto. Un degrado e noncuranza che l'hanno resa una zona franca, a pochi passi dal centro residenziale, il parco giochi e dalla chiesa di Cerciabella.
Nemmeno la recente pulizia e la successiva recinzione, arrivata a seguito di un'ordinanza del sindaco, ha arginato questo fenomeno, tanto che la rete che delimitava l'ingresso praticamente non c'è più e il luogo è tornato di nuovo alla mercè di tutti.
L'ultima denuncia arriva da una residente, che ha immortalato lo stato attuale all'interno della struttura. Da qualche giorno nei locali, sono comparsi cumuli di scatoloni, vecchi accessori telefonici, televisori e grossi sacchi neri. «Questo è quello che sta diventando l'ex Brico io a Cerciabella, uno schifo di discarica. Che qualcuno prenda provvedimenti», è l'amaro commento di Samantha, la cittadina che ha scattato le foto. E' a guardare bene, appare chiaro che si tratta di materiale di magazzino rimasto per anni in giacenza da qualche parte, prima di essere "smaltito" nell'ex polo commerciale.
Tutto questo racconta anche un altro aspetto della realtà cisternese: la crisi commerciale. Un'area che poteva essere destinata ad altre attività e che invece restando chiusa ha perso valore e appeal, diventando una discarica.