Quattro ore di sciopero politico e la protesta sotto il Comune. E' quanto si preannuncia per il trasporto pubblico locale per oggi, per via della protesta sindacale indetta dalla Fast Confsal trasporti. Il sindacato, rappresentativo di una larga fetta di lavoratori riassorbiti da Csc, l'attuale gestore del Tpl, denunciano tempi di percorrenza non reali, incongruenze sui bollettini paga dei lavoratori e mancate certezze per alcuni lavoratori a tempo determinato ai quali era stata promessa la stabilizzazione. Le modalità di sciopero prevedono per gli aderenti che i bus resteranno fermi dalle 10.30 alle 14.30 con rientrata delle vetture nei depositi di appartenenza. I lavoratori dei servizi interni (operai ed impiegati) sospenderanno il lavoro per due ore a fine turno. Gli ausiliari sospenderanno invece per le quattro ore proclamate. Sono esclusi dallo sciopero i portieri, i guardiani, gli addetti ai centralini telefonici ed ai servizi di sicurezza. I lavoratori, transitati dall'estate scorsa dal vecchio gestore Atral a Csc, da mesi chiedono un aggiornamento delle condizioni lavorative che vada di pari passo con lo svecchiamento del servizio. Prevista anche la protesta sotto il Comune di Latina.