Dieci milioni sono molti per promettersi una spiaggia normale entro il 2020, tanti sono i fondi destinati al litorale della provincia di Latina per ricostruirne lo skyline dopo l'ondata di maltempo che ha contribuito oltre ogni previsione ad erodere la spiaggia.
A febbraio scorso è stato formalizzato il patto che consentirà alle amministrazioni costiere i soldi che la Regione Lazio ha stanziato. Ma per capire come sta andando il riassetto della costa a meno di un mese dall'inizio della stagione balneare, che, anzi, in alcune località più frequentate debutterà già nei prossimi fine settimana bisogna scendere in spiaggia con gli operatori del posto, le ruspe e gli operai che praticamente hanno ingaggiato una vera e propria battaglia per il ripascimento.
I chilometri complessivamente interessati al piano di tutela della costa (che include il ripascimento) sono ottanta di cui circa la metà in provincia di Latina e il cuore del progetto riguarda il fragile tratto inserito nel Parco del Circeo, ossia Latina, Sabaudia, San Felice e Fondi.
E' il tratto che ha fatto registrare danni ingentissimi, la sola Sabaudia nelle mareggiate di gennaio e febbraio ha avuto interi stabilimenti distrutti. Può bastare?