Si apre una battaglia legale tra l'ex sindaco di Anzio Luciano Bruschini e il comune neroniano. Il predecessore di Candido De Angelis, anche lui di area centrodestra, ha fatto causa all'Ente chiedendo il pagamento di arretrati per una cifra che supera i 58mila euro. Nel suo ricorso presentanto al Tribunale di Velletri, Luciano Bruschini ha chiesto di accertare e dichiarare l'obbligo dell'Ente locale di pagargli la differenza dell'indennità di funzione dovutagli quale primo cittadino dal 1 febbraio 2012 a maggio 2018 in basa all'adeguamento di legge fatto durante questa legislatura dall'attuale governo cittadino. Una richiesta che l'amministrazione De Angelis, che ha raccolto l'eredità di Bruschini che indicò proprio in De Angelis il suo successore prima della fine del suo mandato alla guida della città, non sembra intenzionata a raccogliere questa richiesta. Il Comune, infatti, ha dato mandato all'avvocato Giovanni Tosti di difendere il Comune e contrastare il ricorso presentato dall'ex primo cittadino, costituendosi nel giudizio davanti al Tribunale di Velletri.
Ma per il comune di Anzio non finisce qui. A chiedere un risarcimento è stato anche l'ex assessore all'Ambiente Patrizio Placidi che ha citato l'Ente al tribunale civile di Velletri. Secondo Placidi il comune non adempiuto agli obblighi "derivanti dalla polizza assicurativa stipulata con la Unipol assicurazioni s.p.a. contro il rischio della responsabilità amministrativo contabile degli amministratori e dei dirigenti dell'ente locale, per sinistri riguardanti i giudizi contabili svoltisi dinanzi la Corte dei Conti". Il risarcimento sarebbe stimato in una cifra attorno agi 78mila euro e il comune di Anzio ha deciso di difendersi incaricando il legale Michele Lo Russo. La causa si discuterà a settembre. Tutto ebbe inizio nel 2000 da una denuncia di Paride Tulli. Ne segue la condanna della Corte dei Conti nei confronti di alcuni amministratori e dipendenti del comune, tra cui Placidi, a pagare la somma di 153mila euro di cui i protagonisti sono stati risarciti per i rischi di indennità delle assicurazioni lo scorso anno. Stando al ricorso, però, agli stessi sarebbero spettati altri due rischi di indennità che gli stessi avrebbero anticipato, ma a causa del sinistro aperto in ritardo dagli uffici comunali le assicurazioni non hanno liquidato il comune e da qui la scelta di ricorre al tribunale civile di Velletri.