Una cerimonia per ricordare Menotti Garibaldi. Ieri mattina, nella tenuta di Carano, la famiglia Ravizza Garibaldi si è ritrovata insieme alla comunità locale e a diversi appassionati di storia per ricordare il militare e politico - figlio primogenito dell'Eroe dei Due Mondi - nell'anniversario della scomparsa. La giornata è iniziata intorno alle 9.30 nella chiesa di San Giuseppe, che si trova proprio all'interno della tenuta, con una messa in onore dell'uomo, officiata dal parroco di Campoverde. La mattinata è poi proseguita con la visita alla tomba di famiglia, dove dal 1903 riposa Menotti Garibaldi che - morto il 22 agosto a Roma - alcuni giorni dopo (il 26 agosto) venne portato qui per i funerali. Un corteo funebre al quale partecipò anche Gabriele D'Annunzio, immortalato in una foto a cavallo proprio nella tenuta di Carano.  
Alla cerimonia hanno partecipato Costanza Samuelli Ferretti Ravizza Garibaldi insieme ai suoi familiari, l'assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione Elvis Martino in rappresentanza dell'amministrazione comunale, l'ex sindaco di Aprilia Gianni Cosmi (che proprio con la sua giunta stipulò il gemellaggio con Mostardas in Brasile, paese natale del figlio primogenito di Giuseppe), l'architetto Ugo De Angelis e i rappresentanti dell'associazione garibaldini. Dopo una breve visita al mausoleo di famiglia, le celebrazioni sono terminate con un piccolo rinfresco offerto dai proprietari, che da anni operano per recuperare e conservare la tenuta di Carano e per tenere vivo nella comunità locale il ricordo di Menotti Garibaldi, probabilmente il personaggio storico di maggior rilievo del territorio cittadino. Per questo motivo, negli anni scorsi, sono stati eseguiti degli interventi di riqualificazione nella stalla, stata trasformata in una sala conferenze dove poter ospitare convegni di carattere storico e culturale.