Ancora piste ciclabili nel Comune di Fondi. L'ultimo progetto riguarda una ciclabile che dovrebbe collegare via della Torre con via Spinete. Siamo in periferia. Dove pure, si legge nella determina, il Comune vuole sostenere «un approccio locale di pianificazione strategica e integrata volto a rafforzare nel tempo azioni tendenti al risparmio energetico, alla riduzione di emissione di co2 mediante l'utilizzo di tecnologie innovative al fine di favorire un miglioramento della qualità ambientale dei servizi finali resi ai cittadini». I fondi saranno procurati attraverso gli stanziamenti dello Stato, previsti dal decreto ministeriale 468/17 che finanzia un programma di interventi «per lo sviluppo e la messa in sicurezza della circolazione ciclistica cittadina da presentare al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti». Sarà tuttavia una convenzione con la Regione, che ha recepito il decreto ministeriale, a consentire l'accesso al parziale finanziamento per la realizzazione della ciclabile. L'amministrazione De Meo aveva preparato un progetto da 480 mila euro, con finanziamento a carico della Regione di 230.251 euro. Ma sono stati riconosciuti soltanto 141 mila euro e così anche il progetto finale è stato ridotto a 337 mila euro.

Tra il Comune e la Regione, si diceva, sarà siglata una convenzione la cui bozza è già stata predisposta. Il Comune nominerà un Rup, che curerà i rapporti con l'ente. Sempre dagli uffici della casa comunale dovrà uscire il progetto esecutivo, e tutti gli atti relativi all'affidamento degli incarichi e dei lavori. Entro 5 mesi sarà completata la procedura approvativa del progetto dell'intervento e la trasmissione alla Regione. Nove mesi invece il termine per la trasmissione dell'atto di aggiudicazione definitiva dell'intervento, mentre entro l'anno verrà trasmesso il contratto con la consegna dei lavori. Ci vorrà, insomma, ancora qualche tempo, ma anche la zona Spinete avrà una pista ciclabile.