Dopo la decisione del giudice del Tribunale di Latina Roberto Galasso che ha rigettato la richiesta di 12 persone che volevano diventare proprietarie dell'area di via dei Volsci, il prossimo step sarà affidato al Comune di Latina, chiamato in causa nell'azione civile e che ha ottenuto un risultato che adesso avrà una conseguenza. Il primo effetto? Entrare o meglio rientrare in possesso dell'area che si trova all'angolo con via dei Fenici e il passaggio sarà obbligato con l'emissione di una ordinanza di sgombero per la baraccapoli, finita al centro di un vero e proprio braccio di ferro che si è concluso nelle scorse settimane in Tribunale. Da una parte l'amministrazione comunale di Latina che nel 2000 aveva ottenuto la cessione dell'area gratuitamente da parte della Regione Lazio, dall'altra 12 persone che invece reclamavano un diritto: quello di diventare proprietarie dell'area perché lo avevano occupato. L'area che apparteneva un tempo all'Opera Nazionale Combattenti, era passata alla Regione Lazio e a seguire proprio al Comune con una destinazione vincolata: interesse pubblico.