«Tanto lavoro per una città turistica per poi dover prendere atto che, in un attimo, alcuni vandali hanno deturpato uno dei luoghi simbolo di Anzio, sulla Riviera Mallozzi, danneggiando la balaustra a ridosso della piazza intitolata ai Martiri di Nassiriya. Ho già sollecitato gli uffici comunali a velocizzare, al massimo, l'installazione di un sistema di videosorveglianza, a tutela della sicurezza del territorio. Auspico che le autorità preposte, intervenute sul posto, riescano a individuare i responsabili di questo atto delinquenziale».

Non utilizza mezzi termini il sindaco di Anzio, Candido De Angelis, per commentare quanto accaduto ieri mattina alle Grotte di Nerone, con la balaustra dei giardini che volgono al mare danneggiata in più punti.

Dei fatti è stato informato il commissariato di Anzio, ma la polizia locale - coordinata dal comandante Sergio Ierace - sta già effettuando accertamenti sull'accaduto ed è stata disposta l'acquisizione dei filmati della videosorveglianza di zona, visto che sono presenti telecamere.

Ha davvero dell'incredibile quanto avvenuto ad Anzio questa notte, 5 maggio 2019, alle Grotte di Nerone.

Nella zona dei giardinetti vista mare, la più bella della città, ignoti hanno divelto una parte della balaustra in travertino che guarda il mare della Riviera di ponente. I danni sono importanti e le ragioni del gesto non sono note.

Poco fa è scattato il sopralluogo degli agenti della polizia locale coordinati dal comandante Sergio Ierace e sul posto si è portato per dei controlli anche il sindaco della città Candido de Angelis.

di: Francesco Marzoli