"Domani sarò in Piazza della Libertà a Latina, alle 19, per partecipare alla manifestazione #RestiamoLiberi per dire no alle legge di stampo liberticida che punisce la libertà di espressione in nome della lotta all'omotransfobia". Parole del senatore e consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Nicola Calandrini.

"Ho ritenuto giusto sposare la battaglia di #RestiamoLiberi, perché la proposta di legge che porta la firma del deputato del PD Alessandro Zan, nell'istituire il reato di omotransfobia, rischia di andare a punire in modo discrezionale chiunque possa esprimere un pensiero non allineato a quello che gli ideatori considerano "mainstream".

"Io credo fermamente che non possa essere reato esprimere il proprio credo e la propria opinione contraria a pratiche quali l'utero in affitto o le adozioni di bambini a coppie omosessuali. Con il ddl sull'omotransfobia tutto ciò non sarà più consentito e anzi chi dovesse esprimere apertamente tali vedute rischia di essere sottoposto ad un processo rieducativo".

"Per questo è necessario alzarsi in piedi e difendere la libertà di espressione. Per questo domani sarò in Piazza della Libertà e sono lieto che Latina sia tra le 100 città che hanno aderito a questa iniziativa che mi auguro possa servire ai promotori della legge a prendere atto della contrarietà degli italiani a tali derive liberticide".