Anche da Fratelli d'Italia arrivano critiche rispetto alla mancata nomina di un vice sindaco dopo l'addio alla maggioranza di Franco Gabriele, che circa 10 giorni fa ha rassegnato le dimissioni sancendo l'uscita del Terzo Polo della coalizione civica ed aprendo di fatto la prima vera crisi degli ultimi 9 anni.  Il coordinatore di FdI, Edoardo Baldo, critica pesantemente la decisione del primo cittadino di non nominare subito un sostituto di Gabriele. "Un fatto mai accaduto, che sinceramente - spiega Baldo - lascia molte perplessità. La figura del Vice Sindaco, continua Baldo, non solo è prevista dallo Statuto del Comune di Aprilia dagli artt. 35, 40, 41 e 42 e la sua importante funzione è delineata proprio da quest'ultimo articolo, ma apre un serio problema politico interno all'attuale maggioranza". 

In particolare Baldo è convinto che la scelta del sindaco di non nominare un vice sindaco sia un calcolo elettorale, un modo per tenersi le mani libere e cercare nuovi alleati per una competizione elettorale che - per la coalizione civica - appare più difficile di quella del 2013. "E' vero quest'Amministrazione è ormai arrivata allo scadere ma l'ipotesi di non nominare un Vice Sindaco sembra da parte di Terra una decisione che non solo viola lo Statuto ma dimostra l'arroganza che questa maggioranza ha sempre interposto nei confronti delle opposizioni e della cittadinanza. Qualcuno politicamente più esperto di me, conclude Baldo, diceva che "a pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina", e se non fosse l'arroganza a spingere Terra a non nominare un Vice Sindaco ma è solo un modo per prendere tempo è fare campagna acquisti dell'ultima ora premiando un fatidico nuovo alleato con la carica in questione? Perciò chiediamo - conclude il coordinatore di Fratelli d'Italia -  di un vice sindaco così come previsto da Statuto senza nessun altra attesa o indugio di sorta.