Amici vecchi e nuovi, colleghi di partito, imprenditori, commercianti, professionisti. Angelo Tripodi ha riunito ieri sera all'Hotel Tirreno di Latina i suoi sostenitori ma anche tanti curiosi, latinensi che mostrano interesse a conoscere cosa propone il partito che sta prepotentemente prendendo il largo nei consensi degli italiani: la Lega. Dei "barbari" dell'era Bossi non è rimasto nulla. Oggi sono gli amici di ieri, di sempre, di una destra che a Latina è radicata con radici profonde. Angelo Tripodi organizza questa rimpatriata ogni anno, ma stavolta è diverso, come la sua vita dopo il 4 marzo scorso: consigliere regionale, anzi capogruppo regionale, il primo nella storia della Lega nella Regione Lazio. Un ruolo di responsabilità che non spaventa Tripodi, una vita in politica ma solo 48 anni all'anagrafe. Abbraccia ad uno a uno i presenti, baci, pacche sulle spalle. Alla spicciolata arrivano i colleghi del partito, dal coordinatore provinciale Matteo Adinolfi, alla consigliera regionale Laura Corrotti passando per gli onorevoli pontini Claudio Durigon e Francesco Zicchieri. Dal mondo dell'imprenditoria spicca la presenza del presidente e del direttore dell'associazione Impresa, Giampaolo Olivetti e Saverio Motolose. Per Ascom Confcommercio, non ha voluto mancare Valter Tomassi.


«Una serata speciale, un momento per stare insieme, incontrare i miei amici. Gli impegni in Regione mi portano spesso lontano da loro e li ho voluti riunire - spiega Angelo Tripodi - Proprio in questa data cadono i 100 giorni dal mio impegno come capogruppo della Lega. Dal punto di vista politico questa sera punterò a indicare le tematiche che punteremo a far emergere nei prossimi mesi nell'agenda della politica». Nella sala del Tirreno, che si affaccia sul mare di Latina, si muovono diversi volti noti dell'imprenditoria pontina. «Gli imprenditori presenti sono tanti - rileva lo stesso Tripodi - ed è segno della loro vicinanza e del loro interesse per le proposte che avanza la Lega. Credo siano soddisfatti del lavoro fatto in Regione. Voglio ringraziare soprattutto gli imprenditori Olivetti e Motolese, di Impresa, associazione nata da poco, fatta da imprenditori di Latina coi capitali di Latina. Una iniziativa coraggiosa, la loro, a cui faccio il miglio in bocca al lupo».


Sul piano politico Tripodi conferma l'opposizione dura al centrosinistra di Nicola Zingaretti e all'amministrazione comunale di Latina di Damiano Coletta. «Nelle commissioni alla Pisana - afferma Tripodi - ci si confronta, si analizzano i temi e gli argomenti. Laddove le proposte sono affini al programma elettorale di Matteo Salvini possiamo discutere, per il resto contrastiamo l'attività mediocre e negativa per i cittadini della giunta Zingaretti. Latina, purtroppo, va sempre peggio. Noi del centrodestra abbiamo le nostre colpe perché per liti, veleni e gelosie ci siamo frantumati permettendo a Coletta e alla sinistra di prendere il potere. Ma i cittadini possono stare tranquilli. Presto libereremo la città e torneremo a far governare Latina da chi davvero ha la città nel cuore».