"Abc non è stata in grado neppure di garantire la continuità occupazionale di tutti i lavoratori ex Latina Ambiente. Duole constatarlo, soprattutto a fronte delle 30 persone che non sono state riassorbite dall'azienda speciale". Lo afferma Giovanna Miele, consigliera comunale di Forza Italia, che riaccende i riflettori su quei dipendenti che sono rimasti senza occupazione nel passaggio tra Latina Ambiente e Abc. Degli esodati tutti pontini. 

"E così il sindaco ha disatteso un'altra promessa - attacca Giovanna Miele - La città è sporca, la raccolta differenziata tanto annunciata non parte. Il solo vanto che aveva il sindaco relativo ad Abc era quello di aver salvato i posti di lavoro. Ad oggi sono ancora più certa che si tratti di una bella bugia, perché tanti operai sono stati riassorbiti, ma 30 famiglie sono rimaste a casa, ed altri si sono visti recentemente rinnovare un contratto di lavoro a tempo determinato. Questo vuol dire che non c'è una prospettiva futura, non si vogliono dare garanzie di continuità lavorativa neppure a chi tutti i giorni ci mette l'impegno e la fatica per tentare di dare un minimo di decoro alla città. Ed è la certezza che i soldi non ci sono e non ci saranno. Non abbiamo traccia del famoso mutuo, non abbiamo ancora visto il piano industriale, non sappiamo se e quando partirà questa raccolta differenziata. Ormai è passato un anno, non vedo alcuna rivoluzione nel settore dell'igiene urbana, solo tanta confusione e quel che è peggio, è che questa scelta si sta ripercuotendo anche sui lavoratori. 

Mi permetto di far notare al sindaco e alla sua maggioranza come tutti questi problemi non ci sarebbero stati se si fosse dato seguito al mandato della precedente amministrazione e del commissario Barbato, per esternalizzare il servizio. La clausola di salvaguardia avrebbe comunque tutelato i lavoratori e non ci sarebbero stati tutti i problemi che stiamo sperimentando in questa scellerata gestione interna. Ora che, come dice LBC, non è che possiamo buttare via l'azienda speciale, invito il sindaco a trovare subito una soluzione alternativa per i lavoratori rimasti fuori, così come pretendo chiarezza sullo stato di salute di ABC. Lo deve ad una città che non è mai stata così sporca e lo deve ai lavoratori e al loro futuro".

Via Facebook arriva pronta la replica del consigliere di Lbc Gianni Rinaldi: "Le soluzioni sono già sul tavolo e sui dipendenti della fallita azienda (cui forza Italia ha dato una bella spinta) sono stati tutti assunti a tempo indeterminato e mantenendo le qualifiche e l'anzinita' di servizio che una ditta appaltatrice avrebbe disatteso. La consigliera forse parla degli interinali che guarda un po' non erano dipendenti della Latina ambiente ma lavoravano a chiamata e sicuramente con più precarietà di un contratto a tempo determinato della durata plurimensile. Il servizio come il mutuo questo anno partirà e verranno assunti anche gli ultimi interinali rimasti fuori".