Più di 250 articoli per incassare una somma complessiva che sfiora i 26mila euro. Il Comune di Lenola prova a mettere le mani sul "tesoretto" dell'Ici non versata nelle casse dall'ente. A seguito di un'indagine condotta dagli uffici finanziari, che hanno verificato i soldi incamerati a fronte delle imposte e delle utenze, è venuto fuori un divario tra quanti hanno effettivamente saldato i conti e chi ha invece "dimenticato" di fare il proprio dovere. Si tratta di Ici degli anni passati e in particolare degli anni 2009 e 2010. Per l'ente governato dal sindaco Andrea Antogiovanni sarà una corsa contro il tempo: bisogna ottenere le somme prima che sopraggiunga la prescrizione. Nel 2010 i ruoli per il recupero coattivo riguardano 160 articoli per un totale di 16mila euro; per l'anno precedente gli articoli sono invece 96 a fronte di un importo di 10mila euro.