Il Comune di Ventotene, sensibile alle vicende che negli ultimi anni hanno ferito l'isola, intende comunicare alla cittadinanza che l'amministrazione ha intrapreso un cammino volto a formulare alcune proposte alla Regione Lazio e agli organi competenti a ciò preposti. In sostanza si tratta di un centro di ascolto che aiuterà le persone che vivono situazioni di disagio e che cercano un supporto psicologico.
«L'estate - ha dichiarato il sindaco Gerardo Santomauro - è sempre piena di promesse e di impegni da parte di molti che vorrebbero impegnarsi a non abbandonare nessuno al proprio destino. Tutti sappiamo, però, che nella maggiorparte dei casi restano solo parole».
Per questo motivo l'amministrazione comunale, decisa ad iniziare un percorso concreto, ha voluto incontrare persone che hanno intrapreso la strada della condivisione prima di tanti altri e senza ricoprire ruoli istituzionali».
Lo scopo - continua il primo cittadino ventotenese - è quello di avere due punti di riferimento per i cittadini ventotenesi, uno sull'isola e uno sul continente, lasciando, quindi a tutti la discrezionalità di scegliere.
«Realizzare un centro di ascolto che sia formato da persone che hanno vissuto esperienze difficili è lo scopo di questo nostro impegno - ha dichiarato in conclusione -. Abbiamo incontrato professionisti e persone semplici che hanno vissuto parte delle loro vite all'ombra del male oscuro, dell'alcol o delle droghe. La vita è un bene troppo prezioso per non cercare di lasciare a tutti la possibilità di affrontare paure e difficoltà e cercare di risolvere - ha continuato il sindaco Santomauro -. Entro la fine di aprile presenteremo il progetto e faremo la conoscenza di persone che, pur vivendo una vita socio-economica molto delicata, si sono sempre esposte per il prossimo».