"Gaeta in Salute", arriva l'esenzione dal pagamento della tariffa regionale con l'applicazione gratuita dei microchip per animali di proprietà. È una delle prestazioni che verranno fornite: ci sarà anche la microchippatura presso lo stand n. 27, "Salute animale", a cura del dottor Daniele Cavalli. «L'esenzione del pagamento della tariffa - dice Mitrano - è stata concessa dalla Direzione Regionale Salute ed Integrazione Socio-Sanitaria Area della promozione della salute e prevenzione della Regione Lazio che ha apprezzato e condiviso pienamente lo spirito dell'iniziativa di Gaeta in Salute». Un plauso, per la sensibilità manifestata dalla Regione Lazio per l'esenzione, giunge anche dall'Assessore alla Sanità e Benessere Animale, Teodolinda Morini che ha così commentato: «Siamo molto soddisfatti, come Amministrazione, di questa iniziativa unica nel suo genere. Permettere ai cittadini di Gaeta di far apporre gratuitamente il microchip al proprio cane e poterlo iscrivere all'anagrafe regionale è un riconoscimento ufficiale del suo legame col proprietario, del suo entrare a far parte della famiglia. Ringraziamo l'Asl per aver contribuito alla realizzazione dell'iniziativa ed in particolare il dottor Cavalli che domenica 7 aprile dedicherà le sue attenzioni ai nostri amici a quattro zampe». Potranno essere effettuati presso il campus medico di "Gaeta in Salute", esami, visite e consulenze mediche gratuite per le varie discipline, quali angiologia, broncopneumologia, cardiologia, chirurgia generale, dermatologia, diabetologia, gastroenterologia, ginecologia, medicina interna, neurologia, oculistica, odontoiatria, ortopedia, pediatria dell'emergenza, psicologia clinica, reumatologia, terapia del dolore, urologia, oltre a screening oncologici per la prevenzione del tumore mammario, a test diagnostici di primo livello ed i necessari approfondimenti, ad informazioni ed ad assistenza socio-sanitaria, nonché all'applicazione gratuita microchip. L'evento "Gaeta in Salute" sarà anche "Gaeta Dona" per la raccolta di sangue, grazie alla collaborazione dell'unità operativa di Medicina Trasfusionale dell'Azienda USL Latina, Avis ed Admo con la presenza in piazza di un'autoemoteca.