Sono arrivati ad Amatrice nelle ore successive alla tragedia del terremoto dello scorso agosto e da quel momento non sono più andati via. Senza interruzioni, un fiume continuo di solidarietà ha portato i volontari del gruppo di protezione civile "Falchi pronto intervento" di Fondi nelle terre colpite dal sisma. Almeno una trentina gli operatori che a turno sono stati impegnati senza sosta ad Amatrice. Sotto il coordinamento della centrale operativa della protezione civile regionale, gli uomini guidati dal presidente Mario Marino hanno fronteggiato ogni forma di emergenza. Hanno aiutato forze dell'ordine e vigili del fuoco tra le macerie, hanno soccorso vite umane, collaborato all'allestimento dei campi. Hanno cucinato e giocato con i bambini, trasportato viveri e beni di prima necessità, ma soprattutto hanno portato umanità in un luogo sconvolto dalle calamità. A più di nove mesi dal loro arrivo, il sindaco Sergio Pirozzi ha voluto encomiare ufficialmente i "Falchi". «Desidero ringraziarvi a nome di tutta la comunità di Amatrice per la solidarietà dimostrata nei confronti della mia terra» si legge nell'attestato consegnato al presidente Marino. «Grazie al sostegno che arriva dalla vostra operosità e spirito di abnegazione riusciamo a trovare la forza per affrontare questa difficile situazione e guardare con speranza al futuro». Un tributo meritato, frutto dell'impegno, del sacrificio e della dedizione profusa dai volontari.