I numeri dimostrano inequivocabilmente che a Pontinia, ma d'altronde anche nei Comuni vicini, c'è sempre più bisogno di case popolari e di alloggi a canone sostenibile. Quelli esistenti, infatti, non riescono a soddisfare le tante domande, molte delle quali, pur essendo accolte, non possono essere evase a causa della carenza di strutture. In questa situazione, appare quasi paradossale che ci sia in piedi dal 2009, per quel che riguarda Pontinia, un progetto che prevede la realizzazione di 24 nuovi alloggi, ma che ad oggi ancora non vede la luce. A quanto pare, però, una svolta dovrebbe arrivare quest'anno: le gare sono state espletate.
Il primo atto di quest'odissea burocratica risale a maggio 2009. Si evidenzia, allora come oggi, la necessità di incrementare gli alloggi a canone sostenibile. È un progetto corposo, che prevede un investimento complessivo da oltre quattro milioni di euro. Più della metà sono a carico del ministero Infrastrutture e Trasporti, circa 800mila euro a carico della Regione Lazio e 610mila euro circa, invece, a carico del Comune di Pontinia. L'approvazione del progetto definitivo arriva sei anni fa, ma l'iter burocratico procede in maniera tutt'altro che spedita. Il Comune, nonostante il "silenzio" di Regione e ministero, nel 2016 decide di andare avanti. Pubblica due bandi di gara – una per gli alloggi e una per le opere di urbanizzazione – e l'iter qualche mese dopo (è il 2017) viene concluso. Tutto è però subordinato al finanziamento da parte del ministero e della Regione.
Qualcosa finalmente, dopo quasi dieci anni, sembra muoversi. Regione e ministero hanno scritto al Comune nel mese di marzo informando l'Ente di star valutando la rimodulazione dei programmi e il rilascio di una eventuale proroga per la loro attuazione. Da parte del Comune è arrivata la conferma di voler fare la propria parte impegnando 610mila euro nel bilancio pluriennale (annualità 2018).
Dopo un'attesa interminabile, insomma, la situazione pare essere arrivata a un bivio decisivo. Al netto di cambi di rotta imprevedibili, i progetti già approvati dovrebbero finalmente essere realizzati, andando quindi a riqualificare una zona di Pontinia e a realizzare 24 alloggi a canone sostenibile per le famiglie.