Nel corso di una recente seduta, infatti, la Giunta comunale di Ardea ha dato il via libera al progetto definitivo presentato dalla "Idrica" - la società che gestisce il servizio idrico integrato in città -, che prevede la realizzazione della nuova rete idrica in questa zona all'estrema periferia della città, nei pressi della Pontina.

L'intervento, che rientra all'interno del programma di lavori e interventi per il triennio 2016-2019 - aggiornato al 2018 -, sarà di fondamentale importanza, poiché doterà di un servizio essenziale una zona che, attualmente, è ancora sprovvista dell'acquedotto.

Si tratta, fra le altre cose, di un'opera pubblica che non graverà sulle casse comunali.

Infatti, come si evince dalla delibera approvata dal sindaco Mario Savarese e da tutti gli assessori, il progetto verrà finanziato grazie ai proventi della tariffa del servizio idrico integrato.

In altre parole, grazie agli incassi ottenuti con le fatture inviate ai cittadini, saranno destinate alcune somme ai progetti di ampliamento dell'acquedotto pubblico, a riparazioni e ammodernamenti della rete e ad altri interventi.

Dunque, a fronte delle bollette pagate, i cittadini otterranno in cambio dei lavori che andranno a migliorare l'efficienza del sistema idrico locale, ma anche a innalzare la qualità della vita delle persone, soprattutto - come in questo caso - che vivono nelle zone di periferia.

Chiaramente, il progetto presentato dalla Idrica è stato corredato da tutti i pareri e gli studi necessari, fra cui spicca quello relativo alla fattibilità ambientale dell'opera. In più, è stato studiato nel dettaglio l'attraversamento della Pontina che dovrà effettuare la rete idrica e sono stati individuati i materiali da utilizzare per costruire ex novo la rete idrica locale.