La Kinder continua a regalare sorprese a tutti, piccoli e grandi. Lo fa da mezzo secolo con i collezionabili degli storici ovetti e continua a farlo oggi. Ma quest'anno la società raddoppia, e lo fa in concomitanza con i festeggiamenti per i 50 anni di attività.
"Cinquant'anni per cinquanta desideri" è lo slogan scelto da Kinder, e ad esprimere questi desideri saranno i bambini stessi, che potranno partecipare al concorso ideato dalla società. Come regalo, l'azienda ha deciso di offrire l'opportunità di visitare sei tra i musei più belli d'Italia. Si potrà andare "alla ricerca della spada nella roccia", diventare un "pilota d'aereo per un giorno", "vivere con i dinosauri" o ancora fare un "viaggio tra le stelle" o "nel mondo dei profumi". Ma soprattutto, si potrà fare "un tuffo nel passato" presso il museo storico di Latina.
Infatti, tra le sei possibilità offerte ai 50 vincitori, ci sarà anche l'opportunità di vivere una giornata all'interno del museo Piana delle Orme di Latina.
«Siete pronti a salire sulla macchina del tempo?» chiede la Kinder ai piccoli mentre racconta di questo mondo «fatto di mille giocattoli, trattori e idrovore utilizzate per la bonifica, tram, auto, moto, carri armati» e molto altro ancora. E poi precisa un particolarità: tutti questi "giocattoli" sono «a grandezza naturale. Così, senza barriere, potrete divertirvi a salirci sopra e giocare».
La scelta della società, d'altronde, non è stata casuale. «Vi accorgerete che Piana delle Orme è un museo poco banale - si legge nelle note del concorso - lontano dalle forme tradizionali, capace non solo di sorprendere e di emozionare, ma anche, e soprattutto, di comunicare con chiarezza i suoi contenuti».
Durante il percorso i bambini saranno accompagnati da una guida esperta, che strutturerà la visita sulla base dell'età e delle curiosità dei piccoli vincitori. Il tutto con pernottamenti, trasferimenti in aereo o treno programmati, cene e pranzi già fissati e una caccia al tesoro. Il tutto dedicato ai vincitori che parteciperanno al concorso (le cui iscrizioni si chiuderanno il 25 novembre) che permetterà a giovanissimi e alle loro famiglie, provenienti da tutta Italia, di godersi «quarantamila metri quadrati di puro divertimento».
Grande soddisfazione all'interno del museo Piana delle Orme: «È stata una sorpresa gratificante - ha commentato Alda Dalzini, responsabile della struttura - Il museo è stato contattato direttamente dalla Kinder, che tramite una commissione di ricerca che ha passato al vaglio tutte le strutture italiane, ha valutato e scelto Piana delle Orme come uno dei sei siti per questo concorso su scala nazionale. È un grande risultato, non solo per noi, ma per l'intero territorio pontino».
Insomma, una lezione per molti cittadini di una provincia forse troppo "abituata" alla presenza di strutture di questo calibro e che, per chi invece viene da fuori, rappresentano un patrimonio inestimabile. Che sia uno spunto per valorizzare ulteriormente questo grande patrimonio a nostra disposizione.